Questione “Allmayer”: Il Commissario del Libero Consorzio di Trapani risponde al Sindaco Surdi

1892

Il Commissario Straordinario del LCC di Trapani, Dott. Raimondo Cerami, ha risposto alla nota del Sindaco di Alcamo sulla problematica dell’Istituto Magistrale “F.V.Allmayer” per chiarire che il LCC di Trapani è stato costretto a riformulare la recessione dal contratto di locazione degli immobili in uso al Liceo, in quanto la prosecuzione della locazione, come era noto al Sindaco, era strettamente legata al contributo regionale concesso nel 2017 che scadrà nel luglio 2020.

Il dr. Cerami ha ricordato al Sindaco che vi sono state diverse riunioni e interlocuzioni fra i due Enti ed è stato effettuato anche un sopralluogo congiunto presso gli immobili comunali, che però non hanno prodotto alcuna soluzione concreta e attuabile nel breve – medio periodo, se non una generica dichiarazione di disponibilità da parte del Comune a cedere l’area antistante l’attuale sede del liceo per la costruzione di un nuovo edificio.

Il Commissario ha ribadito sul punto che la proposta formulata dal Sindaco non era praticabile in quanto il LCC di Trapani non dispone di risorse finanziarie proprie né a valere su altre fonti di finanziamenti e che i finanziamenti nazionali e regionali in materia di edilizia scolastica hanno riguardato interventi di manutenzione e/o ristrutturazione degli edifici scolastici esistenti, escludendo interventi per nuove costruzioni.

Il dr. Cerami ha inoltre precisato che la situazione finanziaria degli Enti di area vasta non si è affatto normalizzata, sebbene la intervenuta riduzione del c.d. “prelievo forzoso” per il risanamento del bilancio dello stato prevista dalla legge finanziaria 2020, e che il LCC di Trapani è tuttora costretto a continuare nella politica di riduzione delle spese e nel tentativo di azzerare tutti i fitti passivi ad uso scolastico, in quanto ogni risorsa finanziaria disponibile dovrà essere destinata, quale spesa corrente, a ripristinare le condizioni minime di erogabilità dei servizi per l’istruzione scolastica e la viabilità (manutenzioni, ordinarie, spese di funzionamento, utenze, trasporti, palestre, pulizia e taglio erba, manutenzione ordinaria impianti di illuminazione, segnaletica orizzontale etc.).

Il LCC di Trapani, aggiunge il dr. Cerami, dopo aver ottenuto il contributo regionale per sostenere la spesa per l’affitto passivo dell’immobile in uso al Liceo Allmayer, non è rimasto inoperoso, anzi dopo aver interpellato il Comune di Alcamo con esito negativo, si è rivolto anche al mercato per valutare l’acquisto dell’immobile locato ma il prezzo non è stato ritenuto congruo.

Il Dr. Cerami ha, comunque, dato rassicurazioni al Sindaco di Alcamo che il liceo “Allmayer” non corre alcun rischio di essere trasferito in un altro Comune, comunicando che, per effetto della cessazione della locazione, il LCC di Trapani ha già avviato un esame della situazione per giungere alla stesura di un piano di razionalizzazione dell’edilizia scolastica nel comprensorio di Alcamo, Castellammare del Golfo e Calatafimi Segesta che preveda, tenuto conto soltanto degli edifici di proprietà e delle esigue risorse finanziarie di cui potrà disporre, il trasferimento delle sedi in locazione del Liceo “Allmayer” presso l’immobile in uso all’Istituto Agrario di via Goldoni, mentre quest’ultimo verrà riunito alla sede centrale con sede nel Comune di Castellammare del Golfo e in parte nei locali di proprietà del Comune, grazie alla disponibilità manifestata dal Sindaco. E ha annunciato, inoltre, nell’ottica dello spirito di collaborazione che ha sempre animato la sua Amministrazione, che convocherà, quanto prima, un incontro sull’argomento con i Sindaci del comprensorio e con i Dirigenti coinvolti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Condannate la giudice Saguto”
Articolo successivoNuova rotonda sulla SS 113. Aiuto alla viabilità, ma non mancano le critiche