Il Prefetto Ricciardi ha reso omaggio alle vittime delle foibe

363

Ieri pomeriggio, il Prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, ha celebrato presso il Palazzo del Governo il “Giorno del Ricordo” per commemorare la tragedia degli italiani vittime delle foibe, dell’esodo giuliano dalmata nel secondo dopoguerra e della vicenda del confine orientale.

Hanno partecipato all’evento, autorità religiose, civili, militari, rappresentanti delle Associazioni combattentistiche e della C.R.I..

Il Prefetto, nell’intervento di apertura, ha evidenziato che rappresenta un dovere morale rendere omaggio alle vittime della foibe e diffondere la conoscenza di quei tragici eventi.

In tale contesto ha avuto luogo la consegna delle “Medaglie commemorative” a cittadini residenti in questa provincia, in riconoscimento del sacrificio offerto alla Patria dai loro congiunti vittime delle foibe e precisamente tre militari appartenenti alla Guardia di Finanza: ANTONINO NAVETTA, ANTONIO SORRENTINO e GASPARE STASSI.

La cerimonia si è conclusa con la recita della preghiera del “Giorno del Ricordo”.

Vittime delle Foibe

IL SIG. ANTONINO NAVETTA, NATO A TRAPANI  IL 15 GENNAIO 1900, SOTTOBRIGADIERE DELLA GUARDIA DI FINANZA,  IN FORZA ALLA LEGIONE TERRITORIALE DI TRIESTE, FU CATTURATO IL 2 MAGGIO 1945 DALLE TRUPPE TITINE PRESSO LA CASERMA DI CAMPO MARZIO A TRIESTE E DEPORTATO VERSO LA JUGOSLAVIA INSIEME AD ALTRI 96 COMMILITONI. DA ALLORA NON SE NE EBBERO PIU’ NOTIZIE.

IL NOME DEL SIG. ANTONINO NAVETTA FIGURA SUL MONUMENTO ERETTO DALLA GUARDIA DI FINANZA NEL SACRARIO NAZIONALE DI BASOVIZZA.

IL SIG. ANTONIO SORRENTINO, NATO A MARSALA IL 5 MAGGIO 1920, SOTTOBRIGADIERE DELLA GUARDIA DI FINANZA IN FORZA ALLA BRIGATA DI PIRANO, VENNE CATTURATO A TRIESTE DALLE TRUPPE TITINE E DEPORTATO VERSO LA JUGOSLAVIA IL 3 MAGGIO 1945.

INTERNATO NEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO DI BOROVNICA,  A SEGUITO DELLE GRAVI SOFFERENZE PATITE, MORI’ IL 2  LUGLIO DEL  1945.

IL SIG.GASPARE STASSI NATO A  MARSALA IL 23 GENNAIO 1915, FINANZIERE IN SERVIZIO PRESSO LA CASERMA CAMPO MARZIO DI TRIESTE, VENNE CATTURATO IN DATA 1 MAGGIO 1945 UNITAMENTE AD ALTRI 96 COMMILITONI, DALLE TRUPPE TITINE E DEPORTATO VERSO IGNOTA DESTINAZIONE. DA ALLORA NON SE NE EBBERO PIU’ NOTIZIE.

IL NOME DEL SIG. GASPARE STASSI FIGURA SUL MONUMENTO ERETTO DALLA GUARDIA DI FINANZA NEL SACRARIO NAZIONALE DI BASOVIZZA.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare, chiesta la rimozione della piazza intitolata a Giorgio Almirante
Articolo successivoPremio Scuola Digitale