Agricoltura, obiettivo ridurre le rese per ettaro

3484

Modifica del Testo Unico sul vino e propone riduzione delle rese per i vini generici per ettaro. Questo è l’emendamento presentato alla Camera dei Deputati dall’onorevole Antonio Lombardo del Movimento 5 Stelle

Il Testo unico (legge 238/2016) prevede una resa massima di 500 quintali di uva per ettaro. In Sicilia, a seconda del tipo di coltivazione, intensiva o meno, la resa si aggira tra i 160 e i 200 quintali.  L’obiettivo è modificare il testo unico sul vino portando le rese per ettaro delle uve per la produzione di vini generici (ex vino da tavola) dalle attuali 50 a 30 tonnellate per tutto il territorio nazionale. Previste deroghe per i territori che producono di più, fino a un massimo di 40 tonnellate per ettaro.

CIA , calo dei prezzi

A giugno avevamo affrontato la problematica con Matteo Paladino della Cia Interprovinciale Palermo Trapani (Prezzo del vino, controlli e difficoltà dei giovani imprenditori agricoli), in quel caso si è parlato di un drastico calo dei pezzi dei vini comuni, i 15-20 centesimi al litro così da non riuscire a coprire i costi di produzione. Prezzi dati dalle grandi giacenze registrate in alcune regioni, come Veneto ed Emilia Romagna.

Argomento ampio. Fitofarmaci

Un argomento ampio che investe tanti aspetti, così abbiamo intervistato l’autore dell’emendamento sulle rese, ma nel contempo abbiamo toccato altri aspetti del campo dell’agricoltura, come quello che riguarda i fitofarmaci, argomento che abbiamo trattato in una precedente intervista alla CIA.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteStrada Provinciale 20, richiesta intervento di somma urgenza
Articolo successivoBancarotta fraudolenta, denunciato il liquidatore della Sagona SRL
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.