Edoardo Siravo e il paradiso delle vergini, tra poesia e riflessione

800

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Ieri sera il noto attore Edoardo Siravo ha incantato il Teatro Apollo Anton Rocco Guadagno di Castellammare del Golfo con lo spettacolo “il Paradiso delle vergini”. Uno spettacolo scritto e diretto da Mariaelena Masetti Zannini, già autrice dello spettacolo  “Eroideide” in scena a Cala Petrolo nel 2016, e interpretato da Edoardo Siravo, Gabriella Casali, Lucia Rossi e Giuditta Sin con le voci di Mohamed Zouaoui e Mariangela Ruggero e le musiche eseguite dal vivo da Livia Giaffreda.

Un monologo in chiave poetica in cui il protagonista, un kamikaze per volere di Allah, giunge in un Paradiso diverso da quello che si aspettava. Riflessione, poesia, per una tematica attualissima. Protagoniste le donne che con la loro forza hanno guidato il terrorista nel vero paradiso, quello terreno. Tra danze seducenti e magistrali monologhi di Siravo, lo spettacolo ha appassionato il pubblico castellammarese.

Lo spettacolo rientra nel cartellone della stagione invernale del teatro Apollo Anton Rocco Guadagno organizzata dal Comune e Proloco con la direzione artistica di Antonio Enea. Al termine dello spettacolo Edoardo Siravo e la regista Mariaelena Masetti Zannini hanno ringraziato la città di Castellammare per l’accoglienza e l’affetto, in particolare per il prezioso lavoro svolto dal direttore artistico del Teatro Apollo Antonio Enea per la diffusione della cultura.  Quella di ieri è stata la prima assoluta dello spettacolo, a conferma del grande affetto per la città e per il Teatro che si conferma sempre di più un punto di riferimento nel panorama artistico-culturale siciliano.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRoma, intitolazione caserma al vice brigadiere Pietro Lungaro
Articolo successivoTrapani, sversamento fognario nelle acque antistanti il lungomare
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.