Messa in sicurezza del Castello di Calatubo

883

Gli uffici tecnici del Comune di Alcamo (Direzione 4, LAVORI PUBBLICI, SERVIZI TECNICI ED AMBIENTALI) hanno predisposto un progetto per interventi di messa in sicurezza del Castello di Calatubo.  A renderlo noto l’Assessore ai servizi manutentivi del Comune di Alcamo, Vittorio Ferro.

Il progetto, già inoltrato per l’acquisizione del parere da parte della Soprintendenza ai BB. CC. AA., è finanziato in parte con i residui del contributo FAI ed in parte (circa 14.000 €) con fondi comunali.

Afferma l’assessore Ferro “un piccolo intervento che mira alla tutela ad alla conservazione del manufatto in attesa di ulteriori eventuali occasioni di finanziamento per il ripristino e la valorizzazione di questo importante bene archeologico, architettonico, culturale e paesaggistico. Faremo il possibile per sollecitare gli enti competenti regionali e non solo, affinché il Castello possa avere le cure e gli investimenti che merita.

E il Sindaco Domenico Surdi “il Castello di Calatubo è parte integrante del nostro patrimonio storico/ambientale, non possiamo permettere che questo bene possa subire un ulteriore processo di degrado. Il nostro impegno sarà costante affinché il Castello possa fruire di ogni possibile intervento volto alla sua salvaguardia”.

Infine L’Assessore all’Economia Roberto Scurto rende noto che anche quest’anno, i maggiori introiti che il Comune di Alcamo incasserà dalla destinazione del 5 per mille da parte dei contribuenti verranno destinati alla valorizzazione e salvaguardia del bene monumentale ed architettonico “Castello di Calatubo”.

Il fine ultimo è quello di contribuire alla tutela del nostro patrimonio storico/ambientale e pertanto si sensibilizzano i CAF, i consulenti, i commercialisti che operano nel territorio della Città affinché svolgano un’adeguata azione di informazione al riguardo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Impariamo a conoscere il Mare”, insieme per i più deboli
Articolo successivoCastellammare, il Candidato Sindaco Nicola Rizzo incontra l’Ambasciatore Emerito dell’UNESCO Raymond Bondin