“Caso” Marconi, Messana(UDC): “Fare piena luce sulla vicenda, riservandomi di agire per le vie legali”

2496

Il centrodestra al Marconi per la chiusura della campagna elettorale, ma c’è un altro evento, interrogazione del Consigliere UDC Saverio Messana

La forte critica di Messana è già evidente dall’oggetto dell’interrogazione: “Interrogazione su utilizzo (personalistico) Centro Congressi Marconi”.

Nello specifico Messana interroga li sig. Sindaco “sulle modalità e sui criteri di utilizzo del Centro Congressi Marconi per attività culturali e convegni.
Nel particolare si evidenzia che la candidata alla Camera collegio uninominale coalizione Centro Destra, l’avv. Pugliesi, aveva avanzato regolare richiesta per l’utilizzo-del centro congressi Marconi per il giorno 2 marzo 2018 dalle ore 19 alle ora 21 per chiusura campagna elettorale, a seguito di tale richiesta riceveva l’autorizzazione da parte dell’Ufficio competente.
Orbene alle ore 19, orario previsto e comunicato per la manifestazione il Centro Congressi era occupato dal un’altra manifestazione , dal titolo ” studio sulla vulnerabilità sismica dei centri storici ” con la presenza di non più di una ventina di persona.
Il sottoscritto, constatata la sovrapposizione delle due manifestazione, chiedeva ai dipendenti Comunali in servizio presso il centro Marconi, se quella manifestazione in corso era stata autorizzata, ricevendone risposta negativa, cioè che non avevano copia di autorizzazione della manifestazione . Da successiva verifica presso il competente Ufficio, dal sottoscritto effettuata, non risulta alcuna richiesta avanzata per le manifestazione concomitante, né tantomeno alcuna autorizzazione rilasciata agli organizzatori.

Si segnala che l’inconveniente ha comportato lo slittamento dell’orario di inizio della nostra chiusura della campagna elettorale di circa una ora , con conseguente lagnanza dei numerosi cittadini ivi convenuti che hanno dovuto aspettare fuori dalla struttura comunale in attesa che la stessa, finalmente si liberasse.

Chiedo a Lei sig. Sindaco se è al corrente di questa, quanto mai strana procedura di assegnazione e di utilizzo dei beni Comunali, che porta soggetti privati ad utilizzare strutture comunali senza averne fatto regolare richiesta e senza averne avuto specifica autorizzazione. Chiedo a Lei sig. Sindaco di accertare i fatti e qualora si riscontrassero abusi, procedere nei confronti di coloro che li hanno commessi.
Le ricordo sig. Sindaco , che durante la campagna elettorale il regolamento Comunale prevede la prelazione dell’utilizzo di spazi comunali per le manifestazioni politiche e che pertanto la prevaricazione circa l’utilizzo degli spazi da parte di altri soggetti, tra l’altro non autorizzati, costituisce una infrazione regolamentare e configura un utilizzo personalistico del tutto arbitrario dei locali comunali stessi.

Sig. Sindaco, nessuna amministrazione e/o nessun Assessore è proprietario degli immobili e dei beni comunali a prescindere dal peso politico e dal colore politico.

Le ricordo Sig, Sindaco che nessuna Amministrazione e/o nessun Assessore può disporre a proprio piacimento dell’utilizzo dei beni comunale, consentendone la fruizione al di fuori dei regolamenti. Le chiedo pertanto di fare piena luce sulla specifica vicenda, riservandomi di agire per le vie legali”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteHanno vinto tutti tranne il Partito Democratico. Lombardo eletto, restano fuori Pugliesi e D’Aguanno
Articolo successivoAlcamo, rottura delle fogne vicino a condomini: “Da quattro anni con lo scarico fognario sotto casa”. VIDEO
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.