Hanno vinto tutti tranne il Partito Democratico. Lombardo eletto, restano fuori Pugliesi e D’Aguanno

4289

Vince il M5S, vince la Lega, vince il centrodestra e il centro sinistra ottiene risultati che la vedono in crisi profonda. Il Partito Democratico…

Il Movimento 5 Stelle può festeggiare, perché unico vincitore di queste elezioni, anche se con questa legge elettorale il dato non permette la formazione di un Governo con solo il partito o movimento vincente. Molti obiettano che il centrodestra è la coalizione che ha più voti, infatti coalizione e non singola forza. La Lega tra le vincitrici? Se parliamo di una corsa a due con Forza Italia all’interno della coalizione si, ma nel concreto nel conto generale si ferma a circa il 17%, quindi vincitore in assoluto non si può dire.

Il dato ci da’ un Sud a predominanza 5 Stelle e un Nord a predominanza Lega, questo darebbe ragione a un Governo che nasce dall’unione di queste due forze, ma qualcuno dimentica che il voto al Sud per 5 Stelle ha ragioni totalmente diverse che quello per la Lega al Nord, le due compagini si dividono per tante ragioni, quindi sarebbe tradire il voto popolare, anche se purtroppo il popolo italiano è abituato a vedere sconfessato la sua volontà, ma queste forze si dicono anti vecchia politica, non sarebbe una gran cosa iniziare con una connotazione di quella che loro chiamano appunto vecchia politica.

Uno scenario incerto, si possono fare solo previsioni, ma col rischio di essere clamorosamente smentiti, quindi andiamo ai dati certi e che riguardano la nostra Sicilia e in particolare Alcamo.

L’unica cosa che è giusto dire è che il Movimento 5 Stelle fa il pienone, nello specifico nei collegi uninominali e nel proporzionale la fa da padrone lasciando le briciole alle altre forze politiche. Ad Alcamo la stessa cosa e molti si chiedono: come mai ad Alcamo le critiche fioccano all’Amministrazione 5 stelle, però il movimento si attesta a percentuali di voto molto alte? In tanti si danno una sola risposta: perché i cittadini non vedono alternativa, cioé il loro malcontento non si trasforma in voto per altri soggetti politici. Ma lasciando interpretazioni varie andiamo ai dati locali e che riguardano i candidati “locali”:

L’alcamese Antonio Lombardo del Movimento 5 Stelle è sicuramente un Deputato della Repubblica italiana grazie al successo del Movimento 5 Stelle e in quanto primo in lista in un collegio uninominale. Lombardo guadagna la deputazione e, come detto dallo stesso, porterà in parlamento le istanze del territorio, in particolare a quelle legate all’agricoltura.

Sembrerebbe non eletta Tiziana Pugliesi (Centrodestra) piazzatasi seconda dopo Piera Aiello del Movimento 5 Stelle, stiamo parlando di collegio uninominali alla Camera. Alcuni commentatori però dicono che non è detta l’ultima parola per un metodo di assegnazione dei seggi che risulta ostico ai più, quindi meglio aspettare che venga detta l’ultima parola da chi di dovere. Una cosa è certa: i voti incamerati dalla Pugliesi non sono pochi e fa rinascere un centrodestra alcamese che sembrava in sordina, anche se aveva dato già segnale di buona salute alle ultime regionali, ma questo non sembrerebbe aver dato la spinta per la Pugliesi guadagnare un seggio alla Camera.

Un discorso a parte per la candidata Alessandra D’Aguanno (Fratelli d’Italia) che era terza in lista nel proporzionale alla Camera dei deputati. D’Aguanno comunque è stata protagonista di una campagna elettorale che le ha attirato molte simpatie, perché affrontata con grinta, quindi bissa il successo alle ultime elezione regionali del fratello Giovanni D’Aguanno.

Il grande assente è il Partito Democratico, che ad Alcamo non ha espresso un candidato, nonostante il circolo locale vede l’impegno principale di un gruppo di giovani intenti a rinnovare un partito che soffre molto, anche per ragioni avulse dal territorio alcamese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRisultati dell’elezione 2018, i commenti
Articolo successivo“Caso” Marconi, Messana(UDC): “Fare piena luce sulla vicenda, riservandomi di agire per le vie legali”
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.