Largo Crisafulli in onore del Carabiniere Gioacchino Crisafulli caduto per mano mafiosa

1965

Largo CrisafulliIeri si è svolta la cerimonia di intitolazione di largo Crisafulli, insistente tra via Tommaso Marcellini e Stradella Riserva Reale, in ricordo dell’Appuntato dei Carabinieri Gioacchino Crisafulli, caduto per mano mafiosa.

Il sindaco, Prof  Leoluca Orlando ha scoperto la targa in onore di Crisafulli, all’evento erano presenti l’autorità militari dell’Arma:  il Comandante della Legione Carabinieri Sicilia, Generale di Brigata Riccardo Galletta e il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Palermo, Colonnello Giuseppe De Riggi. Le autorità civili presenti: Prefetto Antonella De Miro e del sindaco di Monreale, dott. Piero Capizzi, dei figlio Carmelo, luogotenente dei Carabinieri in pensione e di una folta rappresentanza della Associazione Nazionale Carabinieri.

Vittima innocente della mafia, il 27.4.1983 l’appuntato in congedo Crisafulli veniva ucciso a colpi di arma da fuoco nell’omonima strada, poiché aveva intercettato un carico di casseforti con ingenti somme proventi di commercio di stupefacenti, transitate nei pressi della propria abitazione. Soldato di leva, chiamato alle armi nel 1942  e transitato nell’Arma dei Carabinieri nel 1945, aveva dedicato 40 anni della sua vita a combattere la mafia e la malavita organizzata.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUn’opera prima mai rappresentata a Trapani, per ricordare i 400 anni dalla morte di Shakespeare
Articolo successivoAggressione nella notte ad Alcamo Marina