“Fidas 30 anni insieme”: tre serate per ricordare chi ha contribuito a fare grande l’associazione

1674

30 anni fidas loca-1ALCAMO – Per i 30 anni dell’associazione Fidas Alcamo Onlus, Associazione donatori sangue, il Consiglio Direttivo dell’associazione organizza e promuove la manifestazione “Fidas 30 Anni INSIEME”.

L’evento si articolerà in tre serate: il 29 gennaio 2016 il monologo Teatrale “Il mio nome è Pietro” di G. Pizzol, rappresentato da Piero Ganci, che si svolgerà presso il “Centro Congressi Marconi”; il 30 gennaio 2016 del Cabaret e Musica con Ernesto Maria Ponte & Antonio Zarcone Sextet presso il “Teatro Cielo D’Alcamo”; il 31 gennaio 2016 Apericena in musica presso il Baglio Giorlando.

Per ritirare i biglietti d’ingresso recarsi direttamente alla sede della Fidas in Via Francesco Mistretta n. 2 o contattare telefonicamente l’associazione allo 0924 26996.

«“Fidas 30 Anni INSIEME” dell’associazione – si legge in un comunicato – è un’evento organizzato per non dimenticare Giacomo Trupiano e Francesco Cutino che hanno contribuito nel loro ruolo di presidenti, in collaborazione, fin dagli esordi, con l’attuale presidente prof. Girolamo Scaglione, alla nascita dell’Associazione nonché al suo consolidamento; per ricordare Salvatore Mondo, che con la sua assidua partecipazione, con il suo disinteressato e costante impegno, ha contribuito a dare lustro e credibilità alla stessa; per ringraziare tutti gli associati e tutti coloro che, operando all’interno dell’Associazione hanno contribuito a garantire una continua crescita della Fidas non solo in termini di qualità dei servizi ma anche in termini di produttività ad esclusivo beneficio della collettività.»

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDisoccupato tenta di buttarsi da un ponte, i Carabinieri evitano il tragico evento.
Articolo successivoFurti di rame a Marsala, una denuncia per ricettazione
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.