Disoccupato tenta di buttarsi da un ponte, i Carabinieri evitano il tragico evento.

2103

Carabinieri Tentato suicidio DisoccupatoLa disoccupazione è la piaga principale di questa Italia, in questo caso unita. Molti i casi di suicidio o tentativo di suicidio, l’ultimo la sera del 16 Gennaio 2016, un uomo di Palermo 45 anni disoccupato, ha deciso, disperato, di portare avanti un gesto estremo: gettarsi dal cavalcavia di Corso Alberto Amedeo, all’altezza del Palazzo di Giustizia. Immediatamente sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Radiomobile, che operando con la cautela del caso, visto che l’uomo aveva già scavalcato l’inferriata, ha iniziato a parlare con esso e nonostante una iniziale riluttanza da parte dell’uomo poi sono riusciti ad instaurare un dialogo e così farsi dire le problematiche che lo avevano portato lì. Per fortuna e grazie all’umanità con cui i Carabinieri hanno parlato con l’uomo, il dramma non è avvenuto. I militari dell’Arma sono riusciti a farsi sentire umanamente vicini al disoccupato tanto che l’uomo ha chiesto una sigaretta e la somma di 5 euro. Subito dopo lo hanno portato via dal cavalcavia e hanno ricevuto i ringraziamenti dell’uomo. Così l’uomo, rinfrancato dalle parole dei militari dell’Arma, è andato con il personale sanitario del 118 al Pronto Soccorso per le cure del caso.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Virtus Trapani perde al fotofinish sul campo di Amatori Basket Messina
Articolo successivo“Fidas 30 anni insieme”: tre serate per ricordare chi ha contribuito a fare grande l’associazione