Un raduno di auto d’epoca costato 10 mila euro, interrogazione al Sindaco Coppola

2202

imagesCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Un semplice raduno di auto d’epoca può costare 10 mila euro? a Castellammare del Golfo si. Si tratta del “Raduno d’Autunno di Auto d’Epoca” svoltosi a Castellammare in data 9 novembre 2014 dalla A.S.D. Aquila Club di Alcamo.

Con una determina dello scorso dicembre il comune di Castellammare del Golfo ha liquidato alla A.S.D. Aquila Club di Alcamo la somma di 10 mila euro a fronte della fattura presentata dalla stessa associazione.
Nel 2013 il comune di Alcamo ha concesso un contributo di 400 euro alla stessa associazione per l’edizione del 2012. Nel 2014 lo stesso comune di Alcamo ha concesso contributo di 500 euro per l’edizione del 2013. Nel 2014 il comune di Castellammare del Golfo invece ha concesso un contributo di 1000 euro per l’edizione del 2013 per la stessa manifestazione. Ed ecco che arriviamo al novembre 2014: il Comune di Castellammare del Golfo ha liquidato un contributo di 10 mila euro per il raduno di auto d’epoca svoltosi lo scorso novembre proprio a Castellammare. L’importo pare non sia uscito interamente dalle casse comunali, infatti, 5000 mila euro sembrerebbero provenire dalla regione.

Un raduno di auto d’epoca può costare così tanto? e soprattutto il territorio ha avuto un ritorno economico da tale manifestazione? Queste sono alcune delle domande contenute nell’interrogazione presentata dai due consiglieri di “Cambiamenti” Stefano Cruciata e Vitalba Labita. L’interrogazione verrà discussa domani in consiglio comunale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIn arrivo le telecamere di sorveglianza ad Alcamo
Articolo successivoA Castellammare slitta al 28 febbraio la data ultima per il pagamento della tassa sui rifiuti
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.