L’ASD S. Francesco di Paola perde sul campo dell’Erice Entello. Partita dai due volti

1095

CalcettoSconfitta difficile da digerire quella di ieri sera per l’ASD S. Francesco di Paola contro l’ ERICE ENTELLO, gli alcamesi hanno sofferto il campo piccolo e gli spazi ridotti, si è visto poco calcio e molte azioni individuali.
I ragazzi di Gottuso iniziano male la partita, e dopo 5 min. si trovano già in svantaggio per 1-0.
Ma gli alcamesi reagiscono e vannoin gol con R.Artale portandosi sull’ 1-1. Poi vanno in vantaggio grazie al gol di Stabile, siamo sul 2-1.
I ragazzi della S. Francesco di Paola schiacciano gli avversari e trovano il gol del 3-1 con Mannina e nel finale del primo tempo passano ancora sul 4-1 grazie al gol di Gabellone, da li in poi non rischiano praticamente nulla, il primo tempo si chiudesul 4 a 1.
Nel secondo tempo l’ASD S. Francesco di Paola sembra non essere scesa in campo, infatti i padroni di casa accorciano prima portandosi sul 2-4 e poi sul 3-4.
Il monologo degli avversari viene interrotto solo dalla perla di Stabile che allunga nuovamente sul 3-5.
Poi gli alcamesi non si vedono più, errore su errore così gli avversari riescono a portarsi sul 4-5 e a 3 min. dalla fine pareggiano 5-5.
I calci di rigori sono fatali per gli alcamesi che vedono: R.Artale sbaglia il primo rigore, poi a segno Stabile, Gottuso e Gabellone, gli avversari ne segnano 4 su 4, la partita finisce 10-8 ai rigori, egli alcamesi tornano a casa con un solo punto.

Adesso bisogna resettare tutto e pensare alla sfida di sabato prossimo contro PGS DON BOSCO.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteParte il programma europeo “Garanzia Giovani”, a Castellammare attivi gli uffici informativi e di orientamento
Articolo successivoTrivellazioni in Sicilia un disastro. Green Italia, Fabio Granata: “ENI faccia bonifiche e rigeneri la produzioni”
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.