“Esercita l’inglese mangiando” a Scopello un meeting unico

1540

1926682_600032253413716_691970972_nSCOPELLO. Si terrà sabato 6 settembre dalle ore 19:00 alle 23:00 presso il “Mulino di Scopello” un incontro gastronomico ma nello stesso tempo istruttivo. L’incontro, organizzato da Noemi Sapienza e dall’associazione Table bable, sarà in lingua inglese e ha come obiettivo quello di coinvolgere persone del luogo, stranieri, viaggiatori, o anche semplici curiosi che vogliono sperimentare la lingua inglese gustando alcuni dei piatti tipici della cucina siciliana.

“Sperimenteremo una cucina di qualità: piccoli assaggi da gourmet, sapori e prodotti mediterranei reinventati per noi; ci siederemo a tavola con persone sconosciute, viaggiatori, gente del posto, possibilmente di diversa nazionalità per condividere idee, storie, culture, ma soprattutto la lingua. – spiega Noemi Sapienza, organizzatrice dell’evento – La lingua inglese sarà la lingua da utilizzare per tutto l’incontro. Ci sarà chi parlarà di più e chi ascolterà di più, ma saremo tutti lì a mettere in pratica le nostre abilità linguistiche per coinvolgere tutti.  Quest’evento innovativo, nasce da un’esigenza: coinvolgere i giovani in un’esperienza unica, animando così la vita a Scopello.”

Verrà allestito un buffet e una tavolata che favorirà la convivialità su una terrazza che si affaccia su tutto il Golfo di Castellammare. La quota di partecipazione è di 17€. Le iscrizioni sono aperte sul portale Table babel. Per ulteriori informazioni sul progetto, dettagli sui piatti del menù e per registrare la propria partecipazione andate su http://tablebabel.com/ , su facebook: https://www.facebook.com/tablebabel/ o contattate Noemi Sapienza al 3289162974.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMigliorare Alcamo Marina è possibile?
Articolo successivoTempi di risparmio per i Comuni. Castelvetrano acquisisce dei mezzi dal Ministero della Difesa
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.