Il DDL antiparentopoli viaggia ma non trova sede

721

Niente da fare, il DDL “AntiParentopoli” è stato rimandato all’Aula per la riscrittura della norma. Lotte e partiti che non si accordano, iter burocratici confusionari e tanto altro non hanno permesso ancora una volta la nascita di un DDL che non permetta la “Parentopoli”, che in passato ha visto generazioni con lo stesso cognome trovare la “sedia da scaldare” alla Regione. Non tutto però può essere ricondotto a questo ragionamento, perché bisogna non creare una norma discriminatoria, cioé l’essere parente non deve diventare un ostacolo per possibili buoni amministratori. Naturalmente il teatrino in atto sembra più la difesa del proprio orticello che una lotta per la giustizia, ma lungi da me essere qualunquista, quindi si spera che i nostri deputati regionali e affini siano sempre così attivi, anche su altri provvedimenti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTempio di Segesta, è qui la festa
Articolo successivoBusiata 2013
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.