Mentre si contano i danni dello sciopero la Sicilia salvata dallo sciopero dei benzinai

470

”Nessuno sciopero dei benzinai è previsto in Sicilia per le prossime settimane”. Lo precisa Eduardo Brancato, segretario regionale della Figisc, ma si prevede che per tornare alla normalità occorreranno altre 36-48 ore.

”In Sicilia, dove ci sono 2.400 impianti, ci vorranno oltre 25 milioni di litri di carburante e le autobotti possono portare al massimo 36.000 litri per viaggio, ma autisti e cisterne non sono illimitate. Sono state sospese le chiusure infrasettimanale e notturne”.

Ma il danno economico ormai è fatto: si parla di perdite che oscillano fra i 300 e i 500 milioni. Sono le stime di Confindustria che parla dell’avvio delle procedure per la cassa integrazione per oltre 2 mila lavoratori a Palermo e per 800 a Catania. Coldiretti denuncia anche la perdita di credibilità, con la grande distribuzione europea, pronta a sostituire il prodotto ‘Made in Italy’ con quello proveniente da altri Paesi concorrenti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“LUME LUME” di Nino Vetri
Articolo successivoNuovo consigliere a Santa Ninfa e salvaguardia del Made in Italy
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.