Condannati 17 dipendenti del Teatro Massimo

570

PALERMO – Sono diciassette gli ex dipendenti del Teatro Massimo di Palermo  in che sono state condannate per aver gonfiato le proprie buste paga, per un valore complessivo di 650 mila euro. La truffa consisteva nel far rientrare a proprio carico familiari inesistenti. Tra i condannati c’è anche l’ex ragioniere capo dell’ente lirico, Nicolò Antonino Amato, accusato dagli altri di essere colui che all’insaputa degli interessati aveva modificato le buste paga. Ma tale versione non è risultata credibile al giudice della quinta sezione del Tribunale, Giuseppina Cipolla, che ha inflitto a tutti pene comprese tra l’anno e quattro mesi e l’anno e mezzo.

Tra questi però nessuno sconterà giornate di carcere in quanto si potranno avvalere delle condizionale. Solo per quattro imputati, Antonino Amato, Gino Ziino, Rosalia Giovanna Ferrara e Giovanni Di Liberto, bisognerà attendere che accettino di  di svolgere lavori socialmente utili per la Regione per poter godere di tale beneficio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl disastro politico del Governo Regionale
Articolo successivoLombardo è d’accordo al governo politico se poi si va insieme all’elezioni
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.