Castellammare, Motisi lascia

Pubblicato: giovedì, 13 agosto 2015
Vota l\'articolo
3
Vota l\'articolo
2

Il sindaco Coppola ha annunciato il passo indietro dell’assessore

Sindaco Nicola Coppola  (1)Quando sembrava che la decisione fosse irrevocabile, almeno così aveva fatto intendere non più tardi di 24 ore addietro il sindaco Nicolò Coppola, a togliere il disturbo è stato l’assessore Giuseppe Gaspare Motisi. In poche righe l’ufficio stampa del Comune ha dato notizia delle sue dimissioni: «Al fine di evitare disagi all’intera amministrazione, Gaspare Giuseppe Motisi ha rimesso l’incarico assessoriale da me conferitogli da qualche giorno. Ringrazio Giuseppe Motisi per la sensibilità che dimostra rimettendo il mandato al fine di evitare disagi all’azione amministrativa –dice il sindaco Nicolò Coppola- dando così dimostrazione di grande sensibilità morale e politica». Non desideriamo passare per coloro i quali portano disturbo alle attività politiche e amministrative del territorio, sicuri che i commenti apparsi in coda ai nostri articoli, non sempre onesti e certamente ingenerosi, non appartengono al pensiero del sindaco e dello stesso ex assessore. Avevamo evidenziato ragioni di opportunità che ci fa piacere sono stati recepiti senza aggiungere le cattiverie che ci sono piovute addosso. Anche perchè sapevamo che non eravamo gli unici a pensarla così come abbiamo scritto. Il sindaco Coppola oggi più che mai ha adesso il compito di proseguire il suo cammino mettendo ancora di più e con la caparbietà che gli è nota la barra nel senso corretto, pensando a servire una comunità che ha la necessità di trovare un vero buon vivere e aiutarla così anche ad affrancarsi dal fenomeno mafioso, perchè la stragrande maggioranza dei castellammaresi è fatta da gente onesta e laboriosa, anche quando un lavoro non ce l’hanno. Pensiamo che come informazione abbiamo reso un buon servizio e questo continueremo a fare. Auguriamo al dott. Motisi di potere impegnarsi in politica, in tante altre sedi dove è possibile continiuare a fare quello che lui da assessore si proponeva di fare.

Letto 2692 volte.
4 Commenti
Dì la tua
  1. libero scrive:

    Cattiverie, commenti non sempre onesti e ingenerosi ? Ma in quale regime volete che viviamo …. Vi permettette di valutare una persona solo per una parentela scomoda e non accettate nemmeno un commento che non sia d’accordo con le vostre teorie arcaiche? In base a quale sondaggio pensate che noi castellammaresi la pensiamo come la vostra redazione? Comunque complimenti ad alqamah ed al sindaco Coppola che ha cambiato idea nel giro di poche ore. Viva la coerenza e viva la libertà!

  2. Agostina scrive:

    Non capisco perchè il giornalista continui su questa linea diffamatoria. Ricordiamoci che uno dei più grandi eroi antimafia siciliani, Peppino Impastato, era imparentato col boss mafioso Badalamenti. Inoltre il signor Motisi risulta lontano da ogni indagine giudiziaria. Non si può dire lo stesso del signor Giacalone, che risulta essere stato condannato per un articolo diffamatorio

  3. libero scrive:

    Caro signor Giacalone, non so da quale fonte Lei tragga la certezza che tanti hanno condiviso il vostro operato! Personalmente ho commentato la vicenda con persone che conoscono l’arch. Motisi ed all’unanimità le stesse hanno condannato la vostra azione denigratoria anche se non diffamatoria nei confronti dello stesso. Infatti non ho visto nessun commento negativo, anche su facebook, sul professionista ( e non mi venga ad insinuare per timore di eventuali ritorsioni da parte dello zio …..). Sono sicuro che Lei non conosce la persona che è stata oggetto di continui velati attacchi da parte della sua testata. In particolare non può essere a conoscenza della stima che gode nell’ambito lavorativo da parte dei suoi Dirigenti, dei suoi colleghi e degli utenti che hanno sempre apprezzato la sua professionalità e la disponibilità, tant’è che il sindaco lo aveva scelto personalmente senza alcuna pressione politica o ” mafiosa” come velatamente lascia intendere Lei nei suoi articoli. In ogni caso penso che la comunità civile castellammarese ne è uscita sconfitta da questa vicenda e ancor di più il sindaco che ha dimostrato di non avere il coraggio di difendere la sua scelte autonoma (mi risulta non imposta da alcun partito, anzi ostacolata anche dai suoi stessi compagni di partito), visto che si è piegato alla macchina del fango che da un pò di tempo è uno strumento molto in uso dalla stampa per demolire persone altrimenti inattaccabili. In ogni caso la lettera di dimissioni presentata senza alcuna accusa concreta, dimostra la serietà del professionista ed in particolare dell’Uomo.

  4. Libero scrive:

    Caro signor Giacalone, visto che Lei è così attento al fenomeno mafioso, a breve Le farò avere l’albero genealogico fino al 2° o 3° grado di tutti i consiglieri ed assessori comunali di Castellammare del Golfo, compreso il Sindaco. Spero che riserverà lo stesso trattamento alle persone che risulteranno avere la colpa di avere una parentela ingombrante. A presto.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>