L’esecutivo del Pd alcamese conferma le sue dimissioni

Pubblicato: domenica, 16 marzo 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

pdALCAMO. L'annuncio delle possibili dimissioni dall'esecutivo del Partito Democratico non è più una probabile azione. Cinque componenti confermano la loro posizione e diramano il loro comunicato spiegando le motiviazioni che li hanno spinti ad agire in tal direzione:

 " I componenti dell'esecutivo Giuseppe Scibilia, Mario Lucchese, Marina Militello e i neo assessori Selene Grimaudo e Antonino Manno, per diverse motivazioni, sono advenuti alla necessità di non farne più parte a causa di una certa difficoltà di relazione creatasi all'interno della segreteria con riferimento alla conduzione della stessa. I componenti avevano più volte palesato la necessità di iniziare a stabilire metodi e criteri e ad essere più incisivi sul territorio per agire in maniera pratica rispetto alle esigenze della Città. Avendo atteso per condividere le scelte e metodi, ma non avendo avuto possibilità di offrire un proprio contributo rilevano un certo disagio. Alla luce della nomina degli Assessori Manno e Grimaudo e rendendosi necessarie le dimissioni degli stessi da un organo di partito come l'Esecutivo, previste eticamente, gli altri componenti in questione decidevano contestualmente di rassegnare le loro dimissioni. Si tiene a precisare che tali dimissioni dall'esecutivo non presuppongono la fuoriuscita dal Partito Democratico, anzi le persone citate affermano con forza la loro appartenenza al Partito Democratico e tengono a sottolineare che lo spirito critico costruttivo è alla base di qualsiasi dinamica interna ed esterna al Partito. Tale disagio serve a manifestare il bisogno di un cambiamento che presuppone la necessità di avere un Partito unito, non frammentario e non scomposto secondo personalismi o logiche di appartenenza. Tale dissenso costruttivo serve anche perchè è necessario costruire un nuovo partito con la collaborazione e la buona volontà di tutti, pertanto, si auspica e si richiede un confronto celere con tutte le componenti per lavorare per il Partito e per tutti cittadini che credono in esso. Giuseppe Scibilia, Mario Lucchese, Marina Militello, Selene Grimaudo e Antonino Manno"

Letto 1343 volte.
4 Commenti
Dì la tua
  1. cittadino ha detto:

    È giusto che gli assessori si dimettono dal ruolo avuto per scelte personalistiche e forme spartitorie. Sono lì per scelte di una parte ben identificata del partito. Che sia il direttivo a scegliere. Ottima scelta. È finalmente venuto il momento di fare scelte democratiche. Ci attendiamo ad ore le dimissioni di personaggi scelti in maniera personalistica.

  2. mister alcamo ha detto:

    Propongo le dimissioni del presidente del consiglio comunale e di tutti gli organo di partito frutto di scelte cencelliniane.
    Qui ci vogliono p***e…

  3. cambiamento ha detto:

    Questo pd è originale. Cu sparti si dimette perché non condivide le scelte personalistiche. Ci attendiamo revisori dei conti diversi dagli attuali. Nessun preconcetto sui bravissimi revisori. Ma voci vogliono che qualcuno stringa accordi per varvaro e coppola. Mentre opposizione consiliare ed emergenti chiedono altro. Chi vincerà? Avranno la forza di cambiare? Ringraziamo i bravissimi e gli onesti revisori attuali ma è necessario cambiare. È necessario.

  4. civiltaeprogresso ha detto:

    Signor Scibilia ma di quale gestione personalistica parla? Ma lei ha votato canzoneri? Lei ha fatto la campagna elettorale a Lupo? Lei ha scelto questi assessori? Lei ha ondicato nomi nel direttivo e nell’esecutivo? Lei ha mai avuto incarichi di partito? Ha mai fatto l’assessore? Ha mai fatto il tesoriere comunale e provinciale del partito? Se tutto questo non lo ha fatto allora la crediamo. Non ci faccia credere, oggi, che non condivide scelte verticistiche e personaliatiche. Ma chi le ha dato la nomination per fare il presidente del consiglio? Alcuni voci parlano di una riunione da ex Giulio con un ex senatore ed un ex sindaco prima del famoso consiglio che la elesse. Saranno voci certamente. Voci senza senso. Si immagini? Sono voci. Voci.Lei che critica i personalismi non può essere il frutto di scelte personalistiche. Non ci crediamo. Quella famosa cena non ci fu. Vero? E lei venne eletto perché era come è una persona al di sopra di ogni personalismo. Così va la vita. Ma siccome non ci crediamo le chiediamo di pensare, come pensa in effetti, alla città. Il suo ruolo le impone imparzialità. Rimanga tale. Esca fuori dalle beghe di partito. E se un assessore dovesse andare via o un segretario dovesse rimanere non se la prenda. Fa bene il presidente. Continui a farlo. Ma chi glielo fa fare.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>