Messaggi di cordoglio per la scomparsa di Sodano

Pubblicato: sabato, 1 marzo 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

La morte del prefetto F. Sodano ha lasciato un grande vuoto in quanti lo conoscevano ed apprezzavano per le sue doti morali e professionali che gli sono costate tante inutili vessazioni;ma proprio chi opera nel giusto è colui che più viene maltrattato da colleghi , politica (o meglio mala politica), e da quelli che vivono assopiti senza mai alzare lo sguardo. Per fortuna l'altra parte della società, quella sana, ancora carica di valori, sa riconoscere i giusti e il loro operato. Non è facile elencare quanti siano i messaggi di cordoglio e le parole che ricordano Sodano come uomo integerrimo o ancora buon amico. Dieci anni di inesorabile e dolorosa malattia non hanno cancellato la sua persona dal ricordo di chi ha avuto l'onore di conoscerlo. Tra gli altri, parole dolcissime ha scritto S.Alfano nel suo messaggio di cordoglio. Il Circolo Big Bang di Alcamo esprime la propria vicinanza alla famiglia di Fulvio Sodano; volendo onorare il ricordo di un uomo che ha lasciato un profondo segno nella lotta alla mafia in provincia di Trapani.

Il sindaco di Valderice, che già gli aveva tributato la cittadinanza onoraria, in un lungo messaggio che ripercorre i momenti della sua prestigiosa vita, lo ricorda citando Tolstoj:" muore chi non riesca a mettere radici negli altri. Egli è riuscito, continua G.Spezia, non solo a darle queste radici , ma anche a far si che si alimentassero con la sua stessa grandezza. La Cgil di Trapani si unisce al cordoglio e ricorda la sua lotta alla mafia nel territorio, citando l'episodio della Calcestruzzi ericina, che solo grazie a lui non ritornò in mani mafiose, episodio che forse sta alla base del successivo provvedimento di trasferimento che gli causò anche l'aggravarsi della malattia. durante il congresso Flc Cgil, tenutosi a Mazara, il prefetto è stato ricordato con un minuto di silenzio. Diverso e altrettanto partecipato il messaggio del sindaco di Erice Tranchida. La Città di Erice vuole ricordarlo, non soltanto con le bandiere a mezz'asta venerdì e sabato, oltre che rendergli omaggio, con il Gonfalone della Città, scortato dal suo Sindaco e dai Vigili in alta uniforme sabato ai suoi funerali palermitani ma, accanto ai nomi di Giuseppe e Salvatore Asta e della loro mamma Barbara, trucidati dalla mafia nella strage di Pizzolungo, estendendo la intitolazione anche a Fulvio Sodano del nuovo Centro di Documentazione sulle Mafie / biblioteca interattiva "da cosa nostra a Casa Nostra" che fra qualche mese verrà consegnata alla Città in Casa Santa Erice, via Tenente Pollina, requisita al mafioso Coppola.

Ci piace pensare, e ne siamo assolutamente convinti, che Fulvio prenderà per mano Giuseppe e Salvatore, insieme alla loro mamma Barbara, e racconterà loro che da queste parti, ogni tanto, nonostante lo scirocco e l'inverno, torna la primavera e rinasce il "non ti scordar di me" e, un uomo grande nella sua stazza ma ancor più nel suo cuore e nella sua generosità civica, li porti ancora a giocare e sorridere, nonostante i tanti che hanno giocato con la loro vita e gli affetti dei loro familiari e delle persone che li hanno voluti bene, oltre che con lo Stato e il sorriso di futuro conseguentemente negato alle nostre comunità. Queste le parole del commosso saluto del sindaco di Erice. L’Amministrazione comunale di Paceco esprime profondo cordoglio per la scomparsa dell’ex prefetto di Trapani, Fulvio Sodano, cittadino onorario di Paceco dallo scorso anno, “fermo oppositore di ogni tentativo di inquinamento criminale mafioso ed estremo esempio di una cultura politica e istituzionale che deve essere quanto mai riscoperta e valorizzata”.Così si legge nel messaggio ed inoltre il sindaco ha voluto mandare direttamente alla famiglia un messaggio di vicinanza e cordoglio per la grave perdita che li ha colpiti.

Letto 274 volte.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>