Castellammare ricorda Piersanti Mattarella

Pubblicato: martedì, 7 gennaio 2014
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Nella mattinata di ieri presso il cimitero comunale di Castellammare del Golfo si è svolta la cerimonia per commemorare il concittadino Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia il 6 gennaio del 1980 a Palermo nella centralissima via Libertà. Sono passati trentaquattro anni dalla sua morte, avvenuta a soli 45 anni. Alla cerimonia hanno partecipato: Salvatore Inguì di Libera Trapani, il presidio di Libera Castellammare intitolato allo stesso Mattarella, l’associazione Castello Libero onlus, le forze dell’ordine, alcuni consiglieri comunali e l’amministrazione comunale.

Il Sindaco Nicolò Coppola ricorda con commozione il concittadino, Presidente della Regione Siciliana, barbaramente ucciso dalla mafia trentaquattro anni fa. “Oggi la mafia ancora non è stata sconfitta, ma con lui sarebbe stato sicuramente più facile. Lui era una persona eccezionale per dinamismo, per cultura e per sensibilità. La storia della Sicilia è cambiata con la morte di Piersanti Mattarella; lui aveva un’idea di politica visionaria, diversa, moderna. Oggi la mafia utilizza canali diversi, spara di meno ma è sicuramente più forte. Mi sento di dire a Piersanti, grazie, per quello che ha fatto per noi e per il suo impegno politico.”

Anche padre Michele Crociata ricorda con affetto Piersanti Mattarella: “La famiglia Mattarella insieme a Piersanti è stata una della famiglie che maggiormente ha inciso sulla vita e sulla storia di Castellammare.”

Sulla tomba del Presidente Mattarella è stata depositata una corona di fiori e una bandiera di Libera. Castellammare non dimentica uno dei personaggi più illustri della Sicilia, scomparso prematuramente, che ha dedicato parte della sua vita alla lotta alla mafia.

Letto 625 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. piergiuseppe ha detto:

    Molti dei signori fotografati con la bandiera di libera, sono coloro che appartenevano ai gruppi politici che durante i comizi definivano piersantimattarella mafioso. Oggi per opportunità’ e per professione lo ricordano ,dopo averlo ferito e additato veementemente.Non hanno il senso del pudore.

  2. Pietro ingoglia ha detto:

    Piergiuseppe, quando si lanciano certe accuse é buona educazione specificare a chi sono dirette, cosi chi viene attaccato può difendersi. E poi scusa ma perché non ti firmi con nome e cognome.Mi é dispiaciuto non essere presente alla commemorazione,P.Mattarella anche se lontano da me come idee politiche per me rimane un grande personaggio che ha provato a cambiare prima di tutto la Sicilia e dopo i suo partito. Grandi politici ne nascono pochi ed io sono orgoglioso di essere concittadino di P/Santi Mattarella.

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>