Regina rompe con il PDL

Pubblicato: venerdì, 14 settembre 2012
Vota l\'articolo
0
Vota l\'articolo
0

ALCAMO - L'ex deputato regionale, Francesco Regina, lascia il PDL Trapanese. Quando sembrava vicinissima una sua candidatura per le prossime regionali nelle file del PDL, qualcosa è andato storto.

Secondo Regina, "il partito è guidato da un coordinamento che rappresenta una minoranza di iscritti. In queste condizioni il PDL non può mortificare - prosegue Regina -l'intelligenza delle persone che si stavano spendendo per una sana crescita del Pdl in provincia di Trapani".

Un ringraziamento è rivolto soltanto al Sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi.

Letto 484 volte.
Nessun commento
Dì la tua
  1. Umberto ha detto:

    Il PDL con la dipartita di Regina ha tutto da guadagnare.

    Ma ha quale coordinamento si riferisce il Regina?!!!!!

    Esistono infatti un coordinamento comunale uno provinciale ed uno regionale, solo quest’ultimo ha potere di decidere sulle candidature regionali.

    Unico coordinamento eletto democraticamente è quello provinciale un coordinamento che non può essere tacciato di rappresentare la minoranza degli iscritti.
    Perchè era aperto alla partecipazione di tutti.

    Peraltro oramai Regina e Cristaldi rappresentano il vecchio che verrà spazzato via alle prossime elezioni regionali.

    Ed è anche vero che Ruvolo è un coordinatore comunale nominato e non può rappresentare il PDL alcamese, ma in queste elezioni il coordinatore comunale non ha voce in capitolo.

    Quindi regina si riferisce ai coordinatori regionali nania misuraca e costiglione nominati direttamente da berlusca!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • educazione ha detto:

      le considerazioni espresse dal sig umberto fanno capire come le strategie del pdl fino ad oggi sono completamente opposte rispetto ad altri partiti.
      invece di implementare risorsie umane e consensi, continuano ad adottare un sistema personalistico della politica e del partito, riducendo ormai il pdl in provincia e a livello regionale, ad un semplice partituccio che spera di arrivare al 5%.
      sono in attesa di conoscere i candidati per le regionali nel partito del pdl proprio per la provincia di trapani.
      ci sarà da piangere per le risate

    • Arturo ha detto:

      Umberto mi sa che vieni da Marte lo sanno tutti che chi comanda nel PDL trapanese e il Senatore

  2. Umberto ha detto:

    quindi fatemi capire con chi c’è la REGINA!!!!!!!!!

  3. alcamonondorme. ha detto:

    caro Franco….come vedi il PDL è peggio dell’UDC…nessun congresso e nessuna forma di dialogo democratico….si comanda solo se si è figli, nipoti, cognati, o….lecchini…di questo o quell’altro…in ogni caso in provincia di Trapani solo “Tonino” decide…e nessuno più….in bocca al lupo per la tua avventura…

  4. educazione ha detto:

    la politica deve essere rivolta ai cittadini tutti e di conseguenza rappresentata da uomini e donne capaci.
    complimenti sig. regina lei ha avuto il coraggio di andare contro il sistema che ha ridotto il pdl in um partito lontano dal popolo, dalla meritocrazia e dall’intteligenza politica.
    si unisca a renzi nel spodestare i vecchi politici che perdurano da tanti anni e che hanno dimostrato la loro incapacità di gestire i partiti e la “polis”, come nel caso del sen bendalì e dei suoi pochi pretoriani politicamente incapaci.

  5. elio cordero ha detto:

    Complimenti F.scoReggina sei riuscito a fare “scrusciu”, adesso capiranno con chi hanno a che fare … e staranno lontani.

  6. bunga bunga ha detto:

    Penso che il Regina oramai è fuori dai giochi.
    Il PDL ha indetto un congresso provinciale a febbraio aperto a tutti gli inscritti. Hanno partecipato due liste quella di D’ali e quella di Lucchese.
    D’ali è risultato vincitore con quasi il 70% dei consensi!!!!
    Lucchese (se non sbaglio) è arrivato al 30%.
    Ora mi chiedo perchè Regina non partecipava al congresso!!!!!!!!!

    La verità è che Regina usa il PDL come contenitore per o trappo di lancio per una sua affermazione personale. Se il PDL è in crescita lui cavalca, se il PDL è in calo di consensi lui abbandona. (tutti costoro mi ricordano Schettino).

    Il povero Lucchese ha lottato, ha perso (anche se ha raggiunto il 30%), ma ora con una politica saggia e leale si trova a dovere anche lui in difficoltà per la sua lealtà al partito.

    • Cassandra ha detto:

      La verità è che è stato un congresso fantoccio. Ma di cosa stiamo parlando? E come mai il segretario uscente non si è candidato? Aveva paura forse? Finiamola di dire scemenze!!! L’unica verità è che con certi signori baroni della politica o si è servi e lecchini spudorati oppure si è tagliati fuori dai giochi!!! Io ammiro l’On. Regina perchè ha saputo opporsi a questo sistema non piegandosi mai. Magari avrà fatto meno carriera in politica ma conserva intatta la sua dignità, e noi elettori ce ne ricorderemo in questa competizione elettorale regionale, facendolo tornare nuovamente all’ ARS.

  7. vito ha detto:

    caro Umberto una ripassatina alla grammatica italiana prima di scrivere…. “con chi ce l’ha” e non erroneamente grave “con chi c’è la”

Clicca QUI per lasciare un commento o usa il social plugin di Facebook

XHTML: Puoi usare i seguenti tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>