Tentato sequestro di pescherecci mazaresi da parte di una motovedetta libica

292

Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Trapani: “Il Governo attui migliori misure per garantire sicurezza lavoratori”.

“Ancora una volta il tema della sicurezza dei lavoratori del mare Mediterraneo torna prepotentemente nella cronaca, a significare che il problema non è affatto risolto e che, dunque, non si può abbassare l’attenzione”.

Ad affermarlo sono i segretari generali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil Trapani Giovanni Di Dia, Franco Nuccio e Roberto Giacalone in seguito all’ennesimo tentativo di sequestro di tre pescherecci di Mazara del Vallo e uno di Pozzallo, avvenuto venerdì scorso, da parte di una motovedetta militare libica a 80 miglia da Tripoli e scongiurato solo grazie all’intervento della nave militare italiana San Marco.

“È una situazione – affermano – che purtroppo non ha ancora trovato la giusta definizione e continua ad alimentare uno stato di difficoltà e insicurezza per i pescatori italiani. Flai, Fai e Uila si sono fatte promotrici nel tempo, anche a livello nazionale, di iniziative che potessero richiamare l’attenzione della politica sul tema, affinché possa esserci un intervento del Governo che possa finalmente garantire a questi lavoratori di poter svolgere la loro attività in totale sicurezza. Bisogna individuare e mettere in atto tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza e il rispetto dei diritti umani dei pescatori italiani che operano nel canale di Sicilia e per assicurare loro la possibilità di continuare a pescare in quelle acque.”

“Appena una settimana fa – concludono – la presidente del consiglio Meloni, insieme ai ministri Tajani e Piantedosi, è stata in Libia, viene dunque spontaneo chiedersi se si è parlato di un argomento tanto importante e nel caso a quali conclusioni si sia arrivati”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIlluminazione pubblica non funzionante ad Erice: l’associazione Codici si attiva per chiederne il ripristino
Articolo successivo“Missione Congo”: l’Ordine dei Medici di Trapani dona farmaci a suor Maria Goretti