Rissa con omicidio a Marsala: chiesto il rinvio a giudizio per 4 persone

359

La prima udienza è fissata per il 25 luglio

MARSALA. La Procura di Marsala ha chiesto il rinvio a giudizio delle quattro persone protagoniste della rissa in cui, la sera del 7 ottobre 2021, a Marsala, in via Curatolo, davanti la pizzeria Carpe Diem, venne ucciso a coltellate il 27enne Luigi Loria.

Il processo è stato chiesto per Ion Nadoleanu, di 21 anni, e il padre Constantin Tapu, di 39, romeni, accusati di omicidio in concorso, rissa e porto illegale fuori dall’abitazione di coltello dalle dimensioni non consentite dalla legge, nonché, solo per rissa, per i marsalesi Giuseppe e Catia Loria, di 27 e 21 anni. Questi ultimi, fratello e sorella dell’ucciso, sono al contempo anche “parte offesa”.

La prima udienza preliminare davanti al gup del Tribunale di Marsala è stata fissata per il prossimo 25 luglio. Un 16enne appartenente al nucleo familiare romeno è già stato rinviato a giudizio davanti il Tribunale per i minorenni di Palermo.

Ad immortalare i fatti di quella sera (intorno alle 23.30) sono state alcune telecamere di impianti di videosorveglianza. E sulla base di questi filmati, la stessa notte, la polizia arrestò i protagonisti. Per aver assassinato Loria (una delle coltellate è arrivata al cuore), in carcere è finito Ion Nadoleanu. E con lui anche il padre, Costantin Tapu, in difesa del quale sarebbe intervenuto il primo. Tapu è accusato di concorso nell’omicidio. Sarebbe stato lui, colpendo Loria con due pugni, ad innescare la rissa.

Fonte livesicilia

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErice, la Toscano fa il bis
Articolo successivoBimba rapita nel Catanese: continuano le ricerche a tutto spiano