Come cambiare la nazione su Netflix e guardare il catalogo di ogni nazione

565

Fra i servizi di streaming più popolari al mondo c’è sicuramente Netflix. La piattaforma offre una vasta selezione di film, serie TV e documentari, alcuni dei quali totalmente originali e concessi in esclusiva. Ecco quindi come allargare il proprio catalogo Netflix pur senza trasferirsi

Negli ultimi anni Netflix ha ampliato in maniera incredibile i propri utenti abbonati fornendo contenuti di altissima qualità. Tuttavia per motivi commerciali e amministrativi il catalogo offerto è differente in ogni paese del mondo. Capita quindi di voler vedere a tutti i costi una serie TV o un film che non è disponibile su Netflix Italia ma, magari, si può rintracciare negli Stati Uniti. Come fare allora? Valutiamo tutte le alternative a nostra disposizione.

Alcuni metodi che non funzionano

Partiamo dunque dai metodi che non funzionano. Il primo è quello di accedere sul dominio internazionale di Netflix e provare a registrarsi da lì. Questa opzione non funziona in quanto il proprio indirizzo IP fornisce al provider alcune informazioni sulla geolocalizzazione. In altre parole il gestore vedrà che la richiesta è partita dall’Italia e si sarà automaticamente reindirizzati sul sito italiano. Ciò avviene anche nell’eventualità si fosse dotati di un metodo di pagamento di un altro paese. Più semplicemente, avere una carta di credito statunitense non permette di creare un account americano.

Altro metodo che non funziona è quello della navigazione in incognito. Potrà sembrare superfluo, ma la navigazione in incognito è assolutamente sopravvalutata. È utile semplicemente a non registrare cookies e cronologia, ma l’indirizzo IP rimane visibile. Non funzionante è anche l’utilizzo di network decentralizzati come Tor. L’accesso, molto probabilmente verrà immediatamente bloccato.

Utilizzare una VPN per accedere a Netflix

Un’alternativa valida riguarda invece l’uso di una VPN. Ma cos’è una VPN? Parliamo dell’acronimo di Virtual Private Network, ovvero rete privata virtuale. Di conseguenza questa rete permette di nascondere il nostro reale IP e – di conseguenza – la nostra attuale provenienza. Si tratta di uno strumento molto utile per accedere al catalogo globale di Netflix. Tale possibilità è esplicitata sulle FAQ del sito. Si legge infatti:

Gli accordi di licenza per serie TV e film determinano quali contenuti sono disponibili nelle varie aree geografiche. Quando usi una VPN per accedere a Netflix, la tua area geografica non è visibile, quindi Netflix mostra contenuti disponibili in tutte le aree geografiche del mondo.

Se non visualizzi contenuti che ritieni siano disponibili nella tua area geografica, è possibile che tu stia utilizzando una connessione VPN. Per visualizzare sempre lo stesso catalogo di contenuti, esci dalla VPN e prova nuovamente ad accedere a Netflix.

Accedere a un catalogo specifico

Se invece si vuol accedere a un catalogo specifico senza necessariamente risiedere in tale paese si può tentare un’altra strada. Molte VPN permettono a priori di scegliere a quale server connettersi. Di conseguenza si potrà “fingere” di essere in un determinato luogo per un lungo periodo e non solo estemporaneamente. Netflix infatti si riserva di mostrare un catalogo differente qualora il tempo di permanenza in un paese estero sia prolungato. Ciò significa che la lista dei film potrebbe cambiare ma, attenzione, potrebbero cambiare nel caso anche le condizioni tariffarie.

Gli altri vantaggi delle reti VPN

Nell’ambito dello streaming di contenuti, i vantaggi di una VPN non si limitano semplicemente alla visualizzazione di cataloghi differenti. Molti provider di rete, per far fronte all’enorme richiesta di banda da parte degli utenti, tendono a imporre delle limitazioni sui contenuti in streaming. Essendo più pesanti e ingombranti, usufruiscono spesso di una velocità limitata, molto inferiore a quella concordata nel contratto o dichiarata. Questa limitazione può restituire il fastidiosissimoeffetto del buffering, ovvero quella rotellina che interrompe la visione sul più bello.

Una VPN, criptando i pacchetti di dati in entrata e in uscita, non mostrerà mai al provider quali siti sono stati visitati. Ciò significa che non potranno essere impostate limitazioni di banda. Di conseguenza una VPN non solo non rallenta il caricamento dei contenuti, ma in alcuni casi lo velocizza.

Questa opzione è decisamente salvavita anche quando ci si connette su reti Wi-Fi pubbliche, come ad esempio quelle di stazioni, treni o aeroporti. In questi casi la visione di contenuti in streaming è direttamente vietata. Per intrattenersi anche mentre si aspetta il proprio treno, quindi, utilizzare una VPN è l’alternativa migliore. D’altronde il costo mensile è in genere molto basso: per pochi caffè al mese si otterranno tutti questi vantaggi e si proteggerà efficacemente la propria privacy in ogni caso.

PROMO REDAZIONALE

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Lettera Aperta” di D’Aguanno per il ripristino Illuminazione SP 63 (Zona Scopello)
Articolo successivoDue dati in controtendenza