A Mazara 5 mila documenti tornano all’Archivio diocesano. Recuperati dal Nucleo tutela patrimonio dei Carabinieri.

522

Cinquemila importanti documenti storico-archivistici, composti da manoscritti, opuscoli, rolli di epoca compresa tra il Quattrocento e l’Ottocento, sono stati restituiti dal Nucleo tutela del patrimonio culturale dei carabinieri alla Diocesi di Mazara del Vallo.

I documenti erano stati illecitamente sottratti dall’Archivio storico diocesano da un appassionato di storia di Mazara del Vallo.

Dopo un primo intervento di mediazione andato a vuoto, il vescovo ha presentato denuncia ai carabinieri e la Procura di Marsala ha disposto la perquisizione e il recupero.

La cerimonia di riconsegna è avvenuta stamattina col comandante del Nucleo Gianluigi Marmora e col vescovo monsignor Domenico Mogavero.

Tra i preziosi documenti che sono tornati all’Archivio diocesano ci sono alcuni testi dell’Inquisizione, i Capitoli della Compagnia Immacolata Concezione sotto il titolo dei Bianchi e i rolli del ‘400 e ‘500 di alcune corporazioni religiose e, tra questi, quelli di San Bartolomeo apostolo. “La consegna di questi preziosi reperti all’Archivio diocesano rappresenta la restituzione attesa e doverosa di quanto era stato sottratto con danno non solo per l’Archivio, custode attento del proprio patrimonio, ma anche per l’intera comunità, privata di documenti che appartengono alla sua storia e alle sue tradizioni religiose e culturali”, ha detto il maggiore Gianluigi Marmora.

“Siamo riconoscenti al Nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale di Palermo e alla Procura di Marsala per l’attività investigativa coordinata che ha permesso di individuare il luogo e di recuperare i documenti sottratti, riconsegnandoli al nostro Archivio e alla fruizione della comunità mazarese”, ha detto il vescovo Mogavero.

* fonte Ansa

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMandanti esterni, su strage Via D’Amelio
Articolo successivoClaudio Fava lascia Antimafia Siciliana per candidarsi alle primarie del centro sinistra per la scelta del candidato Presidente alle regionali