“Il vescovo gestiva tutti i soldi”

2364

Processo a mons. Miccichè: sentito Sergio Librizzi, ex direttore della Caritas

L’ex direttore della Caritas, Sergio Librizzi, che sta scontando in carcere una condanna definitiva a sei anni per induzione alla corruzione, è stato sentito ieri dal Tribunale di Trapani, presidente Messina, nel procedimento che vede imputato di peculato l’ex Vescovo della Diocesi di Trapani,mons. Francesco Miccichè. Librizzi è giunto in aula scortato dalla Polizia Penitenziaria, perchè sta scontando la pena residua di due anni nel carcere di Termini Imerese. Da membro della Commissione per il riconoscimento dello status di richiedente asilo Librizzi, spogliato della veste di sacerdote, è stato era condannato per avere ottenuto prestazioni sessuali dai migranti in cambio di favori nella pratica per il permesso di soggiorno. Nella istruttoria processuale dell’indagine contro l’ex Vescovo, Librizzi ha riferito delle condotte di mons. Miccichè, Vescovo a Trapani dal 1998 fino al 2012 quando venne rimosso da Papa Benedetto XVI, a proposito dell’utilizzo dei fondi dell’8 per mille destinate anche alla Caritas. Soldi che secondo l’accusa venivano utilizzati dal capo della Diocesi trapanese per proprie utilità personali. Tra qualche non ricordo e conferma delle dichiarazioni rese durante l’istruttoria, fornite dopo le contestazioni del pm Sara Morri, Librizzi ha ripetuto più volte che i soldi destinati alla Caritas “li gestiva tutti il Vescovo. Io mi limitavo a controfirmare il riepilogo annuale”. Librizzi ha anche detto che sentendo anche le altre Caritas aveva appreso che anche altri Vescovi gestivano in prima persona i fondi della Caritas, “di questo talvolta ci si lamentava in occasione di riunioni a livello nazionale”. Ma che uso mons. Miccichè faceva di quei soldi, l’ex direttore della Caritas ha detto di non saper nulla, aggiungendo che spesso succedeva che progetti della Caritas trapanese venivano finanziati attraverso altri fondi dalla Caritas nazionale. Librizzi ha anche ricordato quando durante una discussione con l’allora vicario generale, mons. Liborio Palmeri, si trovò a dover rispondere ad una errata convinzione del collega sacerdote: “Mi disse che io gestivo un sacco di soldi, gli risposi che io non gestivo nulla e che tutto aveva semmai in mano il vescovo”. Nella stessa udienza è tornato in aula don Ninni Treppiedi, ex direttore amministrativo della Curia. Ha risposto alle domande del difensore del Vescovo, avvocato Mario Caputo, senza però allontanarsi dalle risposte date alla precedente udienza al pm Sara Morri. Rispondendo ad una domanda del presidente del Tribunale, don Treppiedi ha detto che alcune spese il Vescovo li destinava a enti o associazioni però nel frattempo sciolte. Circostanza ha detto appresa da Librizzi. Questi però a sua volta ha detto di non ricordare questo colloquio.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCarabinieri aiutano anziano in stato confusionale a Custonaci
Articolo successivoArrestati due uomini a Trapani dalla polizia
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.