Alcamo Book Festival, un festival in movimento

1020

ALCAMO BOOK FESTIVAL Si terrà ad Alcamo, dal 26 al 29 maggio, la prima edizione del festival del libro. Un percorso tra libri, musica, arte, cultura e laboratori per grandi e piccoli.

Un festival in movimento tra gli spazi urbani del centro storico della città di Alcamo, che si snoda tra la Biblioteca comunale e l’Auditorium del collegio dei Gesuiti, il Qubbì bistrot letterario, il cinema Esperia e l’Hotel Centrale. L’idea del “Festival Del Libro” nasce dall’incontro, e dalla condivisione di idee, di un gruppo di associazioni animate dal desiderio di collaborazione per poter costruire percorsi e visioni che possano portare ad uno sviluppo sociale, culturale ed economico del territorio alcamese. Queste Associazioni, hanno istituito un coordinamento basato sul dialogo, spirito di gruppo e ideali comuni. Per anni le associazioni del territorio hanno lavorato incessantemente, ognuna all’interno del proprio ambito, con le proprie competenze e seguendo i propri ideali. Nel 2022 le cose sono cambiate, l’incontro con l’altro, il dialogo e il lavoro di squadra sono diventati prima un desiderio, poi una necessità. In questo contesto i libri e l’arte, in tutte le sue declinazioni, sono stati i punti di incontro che hanno permesso contemporaneamente la collaborazione e il mantenimento dell’identità di ogni associazione.

Il “Festival del Libro” è un contenitore di eventi dove al suo interno vi sono: presentazioni di libri, concorsi letterari, proiezioni cinematografiche, dibattiti e molto altro ancora.

Le associazioni coinvolte nell’organizzazione sono: Settima Arte, Thàlia APS, Mamma Help, FareAmbiente – laboratorio di Alcamo, Fridays For Future – Alcamo, Amnesty International Gruppo Italia 300 – Alcamo, Ecò, Le Pleiadi, Hathor, Associazione Psicologi in Rete e Aulentissima Espacio Libero.

Tutte le attività che verranno svolte nell’ambito del festival saranno diffuse a mezzo stampa e attraverso i canali social FB Instagram (alcamobookfestival). Dati i temi trattati e l’impatto sociale, economico e culturale previsto si è deciso di chiedere il patrocinio del Comune di Alcamo e la collaborazione della consulta giovanile comunale e della consulta per le pari opportunità e l’uguaglianza di genere.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Domingo era solo un amico”
Articolo successivoFalcone: a Trapani il murale dello street artist Ozmo