Falcone: a Trapani il murale dello street artist Ozmo

1043

L’artista ‘consolidare questo simbolo guardando al futuro’

 Il volto di Giovanni Falcone, dietro di lui l’ immagine della Giustizia che rimanda a Canova, e il futuro lasciato immaginare dallo sguardo sorridente del magistrato. Così lo street artist rende celebra il giudice simbolo della lotta contro la mafia con il murale realizzato a Trapani sulla facciata di un condominio in via Platamone, inaugurato oggi nel trentennale della strage di Capaci.

    Il progetto, realizzato nella piazza principale accanto alle principali sedi istituzionali, è stato prodotto dal Rotary Club della città, di cui Falcone fu tesoriere nel 1970, a cura di Annalisa Ferraro. ”Realizzare un’ opera pubblica che sia un simbolo e toccare una figura importante come Falcone è stata una grande sfida – ha detto l’ artista – . La cosa difficile è consolidare questa immagine e spingerla verso il futuro. Il giudice che guarda verso sinistra è tratto da una immagine storica in bianco e nero, ricolorata con le nuove tecnologie per iniettare nuova vita a questa figura simbolica”. Trenta anni fa, è stato ricordato, un’ opera del genere su un edificio privato sarebbe stata impensabile. ”Più viene visto e rappresentato, più un simbolo assume potere e significato – spiega Ozmo – . L’ intento è stato attualizzare il sacrificio di Falcone. Ho ripreso il simbolo neoclassico canoviano ma ho reso non perfettamente allineati i piatti della bilancia proprio perché la vera giustizia non è quella terrena ma soltanto quella divina”. Ozmo, nome d’arte di Gionata Gesi, è nato a Pontedera (Pisa) nel 1975. Dopo gli studi all’Accademia delle Belle Arti di Firenze e il trasferimento a Milano si è affermato come uno dei pionieri della street art italiana, entrando nelle collezioni di diversi musei pubblici. All’ estero ha realizzato interventi a Shanghai, San Francisco, New York, Miami, Chicago, Baltimora, Londra, Berlino, Parigi, Mosca, San Paolo, La Habana, Beirut. Nel 2019 è stato il primo artista incaricato di realizzare un intervento di arte urbana sulla parete esterna di un tribunale, a Rieti. (ANSA).

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo Book Festival, un festival in movimento
Articolo successivoFalcone: vedova Schifani, appello a uomini Stato traditori