Condannati diversi imputati legati alla famiglia mafiosa di Calatafimi-Segesta

3367

PALERMO. Sono stati condannati dal Tribunale di Palermo, presieduto dal Gup Paolo Magro, diversi uomini legati alla famiglia mafiosa di Calatafimi Segesta arrestati durante l’operazione “Ruina” nel dicembre del 2020.

La condanna più pesante è arrivata per Nicolò Pidone, vent’anni in continuazione di una precedente condanna. Quest’ultimo è considerato dalla Dda di Palermo il capo famiglia di Calatafimi-Segesta all’interno del mandamento di Alcamo. Un uomo che secondo gli inquirenti avrebbe fatto “carriera” dopo la sua scarcerazione nel 2017 all’interno di cosa nostra. Pidone, infatti, venne già arrestato e condannato per mafia nell’ambito dell’indagine denominata Crimiso.

Le altre condanne riguardano: Tommaso Rosario Leo 13 anni, Gaetano Piacenza 8 anni e 8 mesi, Domenico Simone 3 anni, Ludovico Chiapponello 2 anni e 6 mesi. Assolti Andrea Ingraldo e Vincenzo Ruggirello.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSalemi punta sul Pnrr per il centro storico L’idea di un ‘Hub per la cultura mediterranea’
Articolo successivoAssolto Francesco Cascio dall’accusa di corruzione elettorale
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.