Revoca della confisca di Casa Felicia, provvedimento sospeso fino al 10 maggio

796

A causa di un errore il casolare sarebbe dovuto tornare al figlio del boss Tano Badalamenti, mandante dell’omicidio di Peppino Impastato. Ma Comune e Agenzia delle entrate hanno fatto ricorso. Il fratello dell’attivista ucciso “Sono fiducioso”

Il provvedimento di revoca della confisca di ‘Casa Felicia” è stato sospeso fino all’esito dell’udienza del prossimo 10 maggio. Il casolare, assegnato nel 2010 al Comune di Cinisi, nel 2010 è diventato centro culturale ed è stato intitolato alla mamma di Peppino impastato, militante e giornalista ucciso dalla mafia. Ma a casa di un errore procedurale ha rischiato di tornare in mano ai figli del boss Badalamenti, ritenuto il mandante dell’omicidio.

“Sono fiducioso, non credo che il bene tornerà a Badalamenti” ha fatto sapere Giovanni Impastato, fratello di Peppino. E di certo non lo sarà il prossimo 29 aprile, data inizialmente fissata per la restituzione del bene. “I giudici hanno rinviato – spiega Giovanni Impastato – dopo l’istanza presentata dal Comune e dall’Agenzia dei beni confiscati, che utilizzando la legge 46 hanno fatto ricorso. Credo che sia un fatto positivo. C’è da aspettarsi di tutto, ma la legge 46 parla chiaro e prevede questo tipo di errori. Per me è positivo che ancora si stia discutendo, e ci aspettiamo che il giudice ci convochi per potergli fornire altre informazioni. Inoltre abbiamo progetti in porto, solo ieri c’erano 200 ragazzi nel centro. Questo rinvio – aggiunge – ci dà la possibilità, inoltre di organizzare un evento per il prossimo 9 maggio, anniversario della morte di Peppino”.

Fonte Repubblica.it

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteI Carabinieri hanno arrestato Girolamo Scandariato, era rimasto coinvolto nell’operazione “Pionica”
Articolo successivoIl Giusto don Pino Puglisi, incontro con il giornalista Salvo Palazzolo a Castellammare