E’ morto il presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

2084

Soltanto ieri era stata diffusa la notizia del suo ricovero in Italia per il sopraggiungere di una grave complicanza dovuta ad una disfunzione del sistema immunitario.

“Il Presidente del Parlamento europeo David Sassoli – ha annunciato il suo portavoce Roberto Cuillo – si è spento alle ore 1.15 dell’11 Gennaio presso il CRO di Aviano (PN) dove era ricoverato. Nelle prossime ore verrà comunicata data e luogo delle esequie”.

Un’Europa delle libertà, dei diritti, della tutela della dignità umana e protagonista nella battaglia per la parità di genere: sono state questi alcuni dei pilastri che David Sassoli, il presidente del Parlamento Ue morto questa notte, indicò nel suo discorso di insediamento alla presidenza del Parlamento Ue.

Era il 3 luglio del 2019.

“Dobbiamo avere la forza di rilanciare il nostro processo di integrazione, cambiando la nostra Unione per renderla capace di rispondere in modo più forte alle esigenze dei nostri cittadini e per dare risposte vere alle loro preoccupazioni, al loro sempre più diffuso senso di smarrimento. La difesa e la promozione dei nostri valori fondanti di libertà, dignità e solidarietà deve essere perseguita ogni giorno dentro e fuori l’Ue”, erano state le parole di Sassoli, che aveva chiamato tutti alla necessità di recuperare “lo spirito di Ventotene e lo slancio pionieristico dei Padri fondatori, che seppero mettere da parte le ostilità della guerra, porre fine ai guasti del nazionalismo dandoci un progetto capace di coniugare pace, democrazia, diritti, sviluppo e uguaglianza”.

    Quello di Sassoli fu in discorso di chiaro segno anti-sovranista. “In questi mesi, in troppi hanno scommesso sul declino di questo progetto, alimentando divisioni e conflitti che pensavamo essere un triste ricordo della nostra storia”, sottolineava infatti l’allora neo presidente dell’Assemblea di Strasburgo. E l’ex volto del Tg1 pose l’accento anche sulla necessità della tutela della democrazia e della libertà. “Sia chiaro a tutti che in Europa nessun governo può uccidere, che il valore della persona e la sua dignità sono il nostro modo per misurare le nostre politiche. Che da noi nessuno può tappare la bocca agli oppositori, che i nostri governi e le istituzioni europee che li rappresentano sono il frutto della democrazia e di libere elezioni. Che nessuno può essere condannato per la propria fede religiosa, politica, filosofica. Che da noi ragazze e ragazzi possono viaggiare, studiare, amare senza costrizioni”, aveva rimarcato Sassoli alla sua prima Plenaria di Strasburgo.

La sua scomparsa una gravissima perdita.

Tanti i messaggi i cordoglio, tra questi:

  • Santangelo (M5S) “Scomparsa Sassoli, perdita per  l’Italia intera”

“La prematura scomparsa del Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, è una  notizia terribile, che colpisce l’intero Paese. Una persona perbene e  brillante con un alto senso delle Istituzioni di cui sentiremo la mancanza  nel percorso di riforma cui sta andando incontro l’Europa. Esprimo il  mio cordoglio stringendomi al dolore dei suoi cari” lo afferma in una nota il  senatore del MoVimento 5 Stelle, Vincenzo Santangelo.

  • Addio al presidente del Parlamento Europeo David Sassoli. Il cordoglio del sindaco del Comune di Favignana – Isole Egadi Forgione e della presidente del Consiglio comunale Serra

«La scomparsa di David Sassoli è una brutta notizia per tutti noi – ha dichiarato il sindaco del Comune di Favignana – Isole Egadi Francesco Forgione – L’italia e l’Europa perdono un riferimento certo per le battaglie democratiche, di solidarietà e di giustizia sociale contro ogni forma di razzismo e di divisione tra nord e sud. Un giornalista e un uomo politico sempre attento ai temi del Mediterraneo e della pace. Ai familiari il cordoglio dell’Amministrazione comunale e dell’intera nostra comunità».

Questo il cordoglio della presidente del Consiglio comunale Emanuela Serra: «L’Europa e sopratutto la comunità italiana perdono un uomo delle Istituzioni di altissimo profilo che con la sua professionalità e il suo impegno politico, sempre equilibrato, ha rappresentato il nostro Paese con grande senso di umanità e integrità morale. Il mio cordoglio e quello del Consiglio comunale ai familiari».

  • SCOMPARSA DEL PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, DAVID SASSOLI, IL CORDOGLIO DEL SINDACO DOMENICO SURDI

Anche il Sindaco della Città di Alcamo, Domenico Surdi esprime il proprio cordoglio per la morte di David Sassoli.

Dichiara il Sindaco Surdi “La scomparsa del presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, è una perdita per le istituzioni sia italiane che europee”.

Una figura che, prima da giornalista poi per il suo ruolo nelle politica italiana ed europea, si è sempre distinta per la sua professionalità, competenza e garbo istituzionale”.

  • Bandiere a mezz’asta al Comune di Castellammare del Golfo per la scomparsa del Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli.

Il sindaco Nicolò Rizzo esprime profondo cordoglio

 “L’Italia e l’Europa, in questo triste giorno, perdono un politico e giornalista di grande spessore umano e professionale.

David Sassoli è stato un uomo delle istituzioni attento ed affidabile ed un professionista dell’informazione libero. Ai familiari del presidente Sassoli la vicinanza dell’Amministrazione comunale e di tutta la città di #Castellammare del Golfo ”.

  • Morte David Sassoli. “Addio ad un grande europeo e un grande italiano”
«A nome mio e dell’intera Amministrazione comunale, desidero ricordare David Sassoli, presidente del Parlamento europeo scomparso la scorsa notte. Credo che le parole adoperate dalla presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, siano la più calzanti: un grande europeo ed un grande italiano. Non posso non sottolineare l’impegno appassionato di Sassoli, uomo gentile, esempio di pace e cultura, per dare concretezza, col suo impegno nelle istituzioni, ai valori sacrosanti di democrazia, libertà, dignità ed uguaglianza, per una Europa più inclusiva e attenta al dialogo. Alla famiglia giunga il cordoglio della nostra Amministrazione».
  • Morte Sassoli, venerdì 14 gennaio bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici della Regione
Per disposizione del governatore Nello Musumeci, il prossimo 14 gennaio, giorno dei funerali del presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, le bandiere di palazzo Orléans e di tutti gli edifici che ospitano uffici dell’Amministrazione regionale saranno abbrunate in segno di lutto e cordoglio.

 

  • LO CURTO (UDC), SCOMPARE GRANDE EUROPEO, HA DIRETTO PARLAMENTO UE CON GRANDE REPUTAZIONE

PALERMO – Con David Sassoli scompare un grande europeo, un uomo politico di altissimo spessore ed una persona di grande umanità. Con lui ho condiviso l’esperienza da parlamentare europeo, apprezzandone le doti e la capacità politica. Pur appartenendo a gruppi diversi nell’Emiciclo ho sperimentato la sintonia con l’uomo Sassoli su tanti temi. La sua formazione ispirata al cattolicesimo democratico ha caratterizzato il suo agire pubblico, e la sua sensibilità gli ha permesso di dirigere l’Istituzione europea con grande reputazione. Addio David, sit tibi terra levis”. Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.

  • Il Circolo PD di Alcamo esprime profondo cordoglio per la prematura scomparsa del Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, facendo proprie le parole di commiato espresse dall’Euro Deputato del Partito Democratico Pietro Bartolo, compagno di partito e di tante battaglie sostenute insieme al Presidente Sassoli in favore degli ultimi e dei disagiati:

Caro amico David,
ho avuto il privilegio di conoscerti e di apprezzare la tua sincerità e la tua umiltà.
Hai saputo interpretare la politica nel suo valore più alto, con passione, onestà, correttezza e amore. Sei stato sempre vicino alle persone più deboli e più fragili.
L’Italia e l’Europa perdono un grande uomo, una bella persona e un vero politico, e io perdo un caro amico.
Ciao David”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteInchiesta caporalato Alcamo: condannate otto persone
Articolo successivoCronache di un vaccino: lunghe attese e disagi