Loggia Castelvetrano: iniziato il processo per 18 imputati

910

TRAPANI. E’ iniziato ieri al Tribunale di Trapani il processo sui ‘fratelli’ di Castelvetrano, imputati per aver violato la Legge Anselmi, lucrando sulle false pensioni di invalidità ai fini politici. Un’udienza breve, durante la quale alcuni dei legali dei 18 imputati hanno chiesto nuovamente il riconoscimento dell’incompetenza territoriale dei giudici di Trapani, invocando il trasferimento degli atti al Tribunale di Palermo. All’indomani del blitz “Artemisia” del marzo 2019 il Riesame aveva accolto le richieste dei legali, fino alla decisione in sezioni unite della Cassazione, che aveva riconosciuto la competenza del Tribunale di Trapani. Oggi la richiesta è stata avanzata anche dal legale di Giovanni Lo Sciuto, ex deputato dell’Assemblea regionale siciliana, principale imputato accusato “quale socio promotore e occulto della loggia” di aver “costituito, organizzato e diretto l’associazione e, allo scopo di gestirne l’attività e realizzarne gli scopi, sviluppando una fitta rete di conoscenze nei settori della politica, delle forze dell’ordine, dei professionisti, dell’imprenditoria e della dirigenza pubblica”. (AGI)

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteServizio specialistico di Assistenza Igienico Personale agli alunni affetti da disabilità. Atto di indirizzo D’Aguanno/Coppola
Articolo successivoTruffe nel settore agricolo. Controlli a tappeto dei Carabinieri in tutta l’isola