Brucia sterpaglie e incendia un magazzino. Denunciato partannese

701

PARTANNA. E’ stato denunciato, nella giornata di ieri, V.T. pluripregiudicato 58enne partannese, per i reati di incendio e danneggiamento aggravato. L’operazione è stata condotto dai Carabinieri della Stazione di Partanna, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sciacca.

I fatti si sono svolti alle prime luci dell’alba quando l’uomo ha appiccato il fuoco ad alcune sterpaglie nei pressi della propria abitazione, decidendo subito dopo di recarsi al bar. Le fiamme alimentate dal vento e dalle alte temperaturein pochi attimi hanno interessato i terreni circostanti raggiungendo anche un immobile di una proprietà confinante. Nella circostanza i vigili del fuoco, giunti tempestivamente sul posto, sono riusciti a domare l’incendio, con non poche difficoltà.

Spento il fuoco, che aveva danneggiato irrimediabilmente un fabbricato adibito a deposito di strumenti da lavoro di un’azienda del posto, era necessario accertare l’origine dell’incendio.

I Carabinieri hanno così valorizzato il protocollo, firmato nel 2017 con la Procura della Repubblica di Sciacca, in materia di indagini sugli incendi e i fuochi controllati, che ha fissato procedure omogenee per tali investigazioni che, oltre a concentrarsi sull’accertamento dell’origine antropica o meno degli eventi, si rivolge anche alla verifica del rispetto da parte dei titolari dei terreni interessati da incendi delle disposizioni finalizzate alla prevenzione nonché a valutare se la cattiva gestione dei terreni abbia favorito l’innesto e la diffusione delle fiamme. Tale metodologia ha consentito così di ottenere importanti risultati in chiave repressiva e preventiva.

Il lavoro del personale della Stazione Carabinieri è stato certosino: grazie alle diverse testimonianze di alcuni cittadini e alle immagini di videosorveglianza sono riusciti a ricostruire la vicenda e a individuare il partannese come autore dell’incendio. L’uomo vistosi scoperto dalle prove schiaccianti raccolte,non ha potuto far altro cheammettere le proprie responsabilità.

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDa domani al via la XVII edizione del Premio Pino Veneziano a Selinunte
Articolo successivoArrestato un uomo a Mazara del Vallo per evasione, violenza e minacce a pubblico ufficiale