Eletta la nuova segretaria provinciale della CGIL: Liria canzoneri subentra a Filippo Cutrona da otto anni alla guida del sindacato

747

Sarà Liria Canzoneri la nuova segretaria generale della Cgil di Trapani, che subentra a Filippo Cutrona per otto anni alla guida del sindacato.

A eleggerla con 39 voti favorevoli, 3 voti contrari, 3 astenuti e una scheda bianca, l’Assemblea generale, una platea di 46 votanti, alla presenza del segretario generale della Cgil Nazionale Maurizio Landini, collegato tramite piattaforma Zoom, e del segretario generale della Cgil Sicilia Alfio Mannino.

“Si conclude oggi – dice il segretario uscente Filippo Cutrona – un percorso, prima di militanza e poi politico sindacale e, dunque, di lavoro, lungo 57 anni. Ero un bambino di cinque anni quando per la prima volta ho frequentato la Cgil con mio nonno Filippo Cutrona, la Cgil ha rappresentato una parte importante e di formazione della mia vita”.

Il segretario uscente ha tracciato un excursus dell’attività politica all’interno del Partito comunista italiano e dell’attività sindacale, concludendo con il bilancio della lunga attività svolta, prima da responsabile dell’organizzazione, da segretario provinciale della Fiom Cgil e, poi, da segretario generale, per due mandati, della Cgil.

“Credo che in questi anni – ha detto Cutrona – la Cgil ha lasciato una traccia nel territorio, tra le lavoratrici e i lavoratori. Penso al Piano per il lavoro, uno strumento che se potenziato potrà dare opportunità per l’occupazione e lo sviluppo. Ci siamo cimentati in vertenze importanti come quella a difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori del Cantiere navale di Trapani, della ex Ustica Lines, del Gruppo 6 Gdo. Penso – ha proseguito – a centinaia di lavoratrici e di lavoratori della provincia di Trapani che avevano perso il lavoro e che grazie alla Cgil sono, in parte, riusciti a mantenere l’occupazione e questo è per noi il risultato più grande insieme alla lotta per l’applicazione dei contratti, contrastando il lavoro nero, e alla quotidiana lotta alla mafia per affermare la legalità e i principi democratici”.

Filippo Cutrona lascia il testimone a Liria Canzoneri, 54 anni, di Alcamo, residente a Trapani dal 1990.

Madre di due figli, entra a far parte della Cgil nel 1987 come operatrice del Patronato Inca, Flai e Spi alla Camera del lavoro di Alcamo. E’ stata componente del direttivo provinciale dello Spi Cgil dal 1987 al 1992, periodo in cui la sua attività è stata anche indirizzata alla tutela dei diritti degli immigrati.

Nel 1993 lavora come operatrice al Patronato Inca della Cgil di Trapani, dove nel 2013 e fino allo scorso aprile ne assume l’incarico di direttrice provinciale. Dal 2018 affianca il segretario generale Filippo Cutrona in qualità di componente della segreteria provinciale.

Dal 2019 è anche componente della segreteria provinciale della Flai Cgil.

Da oggi è la nuova segretaria generale della Cgil di Trapani.

“Continueremo a lavorare incessantemente sul tema del lavoro”, ha detto la neoeletta Liria Canzoneri nella relazione programmatica.

“La provincia di Trapani – ha detto la segretaria generale della Cgil – ha un alto tasso di disoccupazione aggravato dalla pandemia da Covid 19 che ha determinato la chiusura di molte attività. Nel piano del lavoro – ha proseguito – indichiamo proposte precise sui percorsi che possono sviluppare lavoro e occupazione legale per le lavoratrici e i lavoratori. Puntiamo a uno sviluppo che tenga conto delle vocazioni del territorio e delle sue potenzialità, come ad esempio l’agricoltura, la pesca, il turismo e l’edilizia. Nel contempo siamo fermamente convinti che non ci può essere sviluppo se non c’è legalità e nel trapanese le infiltrazioni mafiose persistono in molti settori attraverso connivenze e atteggiamenti di accondiscendenza anche da parte della politica. Auspichiamo che le indagini della magistratura, fatte negli anni e nei mesi scorsi, possano proseguire perché liberarsi dalla mafia vuol dire anche creare occupazione e far sì che i lavoratori, pur di lavorare, non accettino situazioni di subalternità e di ricatto. Oggi – ha concluso – il rischio è quello che rispetto alle risorse economiche che arriveranno per consentire la ripresa vi siano ulteriori infiltrazioni per l’approvvigionamento delle risorse. Dobbiamo lavorare affinché i lavoratori non subiscano illegalità e assenza di regole”.

A concludere il segretario Maurizio Landini.

“Non è facile – ha detto il segretario Landini – fare sindacato nel vostro territorio soprattutto per la mancanza di investimenti e per la difficile situazione legata alla mancanza delle infrastrutture, alla presenza della mafia e all’illegalità che ostacolano lo sviluppo e la parte sana del territorio. In questo contesto credo che diventi importantissimo mettere in campo un’azione sindacale capace di unire l’azione portata avanti nel territorio trapanese con un progetto generale della Cgil. A Filippo Cutrona, che in questi anni ha svolto un importante lavoro all’interno della Cgil va il nostro ringraziamento, alla neosegretaria Liria Canzoneri, l’augurio di un buon lavoro”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOperazione “Gordio”, mandamento mafioso di Partinico: 85 indagati VIDEO
Articolo successivoTumbarello UIL: “Canzoneri saprà mettere a servizio del sindacato e di questo territorio le sue doti umane e professionali”