Mazara del Vallo, intestazione di due strade a politici di destra, scatta la polemica

378

Quelle due strade intestate a Mazara del Vallo a politici di destra, negli anni scorsi dalla precedente amministrazione, hanno innescato la polemica in consiglio comunale dopo che alcuni consiglieri comunali della maggioranza, tra cui Arianna D’Alfio e Gianfranco Casale hanno portato all’attenzione dell’assise una petizione popolare lanciata nei giorni precedenti su una piattaforma on line insieme ad altre associazioni affinché da due vie di Mazara venisse tolta l’intestazione all’ex leader missino Giorgio Almirante e a Giuseppe Arena storico dirigente locale del Msi. E’ stata contestualmente valutata positivamente una mozione per l’adozione nel comune di una toponomastica “rosa per intitolare strade a donne che si sono contraddistinte nella loro vita per meriti speciali”. L’atto è stato approvato. La tensione è salita in aula poi quando Pietro Marino, consigliere comunale eletto nella lista Futuristi e capogruppo del gruppo Via ha ironizzato dicendo “oltre che parlare dei fascisti come la mettiamo con le affermazioni di chi diceva che i comunisti mangiavano i bambini?” Una battuta che ha scatenato varie reazioni. “Trovo veramente paradossale essere chiamato a giustificare una frase pronunziata da milioni di persone da decenni e la cui ironia è evidente mentre il suo significato satirico dovrebbe fare riflettere chiunque, tranne chi non comprende che con questi metodi puerili di aggressione si finisce col cadere nel ridicolo”, afferma Marino. E sottolinea: “Le strade di ogni città d’Italia sono piene di intestazioni a soggetti ben lontani dalla mia cultura ma mai mi sognerei di sminuire il ruolo avuto nella società e nella storia di questi personaggi”. (ANSA).