Prima le api morte e dopo pochi giorni un furto

719
immagine su focus.it

L’uso di diserbanti o altri prodotti chimici per trattare le colture sarebbe la causa della morte delle api di Gaspare Pirrone, che ha denunciato i fatti, oltretutto una pratica non lecita durante le fioriture. Le disavventure dell’apicoltore però non finiscono qua, infatti dopo pochi giorni ha subìto il furto di tutte le famiglie superstiti ad eccezione di due sciami che sono stati sigillati con nastro adesivo.

A porsi accanto al Pirrone l’ARAS, l’associazione Regionale Apicoltori Siciliani, a cui aderisce l’apicoltore di Alcamo. “Per dare al socio un chiaro sostegno e un messaggio di solidarietà, sabato 22 maggio, l’associazione installerà nell’azienda di Pirrone un apiario dedicato al bio monitoraggio ambientale. Le famiglie di api, donate dai soci, verranno gestite da Pirrone e saranno periodicamente sottoposte ad analisi.

L’iniziativa di Aras ha però anche altre motivazioni. Spiega Giovanni Caronia, presidente dell’associazione: «Vogliamo convincere i nostri soci a seguire il coraggioso esempio di Gaspare Pirrone e sollecitare, soprattutto, l’attenzione delle istituzioni verso la sostenibilità dell’agricoltura». L’Aras, infatti, insieme alla deputata regionale Valentina Palmeri, all’Unaapi (Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani) e al coordinamento agroecologia Sicilia, da sempre sostiene “la lotta contro una agricoltura e un uso del territorio che distrugge il futuro della terra che i nostri avi ci hanno consegnato”.

«Costruiamo con i fatti la resistenza contro chi pensa di continuare ad avvelenare e a distruggere impunemente l’ambiente», continua Caronia e sottolinea come sia importante che venga presto approvata la proposta di legge siciliana sull’agroecologia elaborata dalla deputata Palmeri e da decine di associazioni professionali e ambientaliste riunite nel coordinamento agroecologia Sicilia 2030 che da mesi si attende possa essere discussa dall’Assemblea Regionale Siciliana.

Chi volesse partecipare, appuntamento di sabato 22 maggio alle ore 09:00.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo. Coltivava marijuana per spacciarla
Articolo successivoAlcamo. Assolto per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio