Castellammare, oltre 150 volontari “Plastic Free” per ripulire la spiaggia. FOTO

2120

Tutti insieme per liberare le spiagge italiane dalla plastica. 150 volontari “Plastic Free” fanno “respirare” anche la Spiaggia playa di Castellammare del Golfo: “Oltre mezza tonnellata di rifiuti raccolti”

CASTELLAMARE DEL GOLFO. Ieri mattina si è concretizzato un piccolo miracolo. Tantissimi, giovani e meno giovani, studenti e liberi cittadini, hanno liberato la spiaggia playa di Castellammare del Golfo dalla plastica.

Si sono dati appuntamento in spiaggia oltre centocinquanta volontari per l’evento promosso dall’Associazione nazionale “Plastic Free”. Nei giorni scorsi in tantissime altre città italiane sono stati promossi eventi del genere in spiagge e zone di mare. Ieri mattina dopo diverse ore impegnative sotto il sole, divisi in squadre, i volontari hanno lavorato duramente per liberare dalla violenza della plastica tutta la spiaggia castellammarese.

“Plastic Free” è un’associazione nata nel 2019 con l’obiettivo di informare e sensibilizzare più persone possibili sulla pericolosità della plastica, in particolare quella monouso, che non solo inquina bensì uccide. Nata come realtà digitale, nei primi 12 mesi ha raggiunto oltre 150 milioni di utenti e oggi, con oltre 550 referenti in tutt’Italia, si posiziona come la più importante e concreta associazione in questa tematica. “Tutta la plastica creata fino ad oggi esiste ancora e i numeri diventano giorno dopo giorno sempre più preoccupanti. Impatta sull’ambiente, oltre 12 milioni di tonnellate di plastica ogni anno finiscono in natura. – spiegano i volontari – Impatta sugli animali, oltre 100.000 mammiferi muoiono ogni anno dopo aver ingerito plastica. Impatta sull’uomo, ogni settimana mangiamo circa 5 grammi di plastica, l’equivalente del peso di una carta di credito. Riciclare non basta, non tutta la plastica è riciclata e riciclabile. È necessario invertire rotta il prima possibile.”

Con questo spirito ieri mattina circa 150 volontari si sono sbracciati per liberare l’arenile dalla plastica e  dai rifiuti. In poche ore raccolta oltre mezza tonnellata di plastica.

“Abbiamo trovato di tutto: pneumatici, pezzi di scafo di imbarcazioni, bottiglie e plastica di ogni misura, reti e molto altro. In una mattinata abbiamo raccolto oltre mezza tonnellata di plastica. Ci sono volute dieci persone per tirare dall’acqua un grosso pneumatico. – ha raccontato ad Alqamah.it il referente locale di “Plastic Free” Toti Castronovo – Lo considero un risultato davvero importante e sono molto felice di questa grande partecipazione. Ringrazio davvero tutti i volontari che hanno partecipato, alle associazioni “Cambiamenti”, “Trinart”, “Qua la zampa”, “Fiore Daphne”, gli scout e tutti gli altri, oltre che al Comune di Castellammare del Golfo che ci ha appoggiato e l’Associazione nazionale “Plastic Free” che ha sponsorizzato l’iniziativa. Sono davvero molto felice di come si è svolta la giornata, – ha concluso Castronovo – spero in futuro di poter ripetere l’iniziativa”. Un impegno, quindi, quello dei volontari di “Plastic Free” che non si ferma.

Soddisfazione ha espresso l’assessore all’Ambiente del Comune di Castellammare del Golfo Vincenzo Abate: “L’ amministrazione di Castellammare del Golfo è felice di constatare come le sinergie fra le associazioni private ed il Comune possano condurre ad iniziative lodevoli come quella odierna. Sono sicuro che insieme all’associazione “Plastic Free”, a cui ci lega un rapporto di patrocinio, porteremo avanti altre iniziative volte a tutelare e salvaguardare le bellezze naturalistiche della nostra città. Infine ringrazio tutti i volontari che si sono prodigati per la pulizia della spiaggia. Grazie di cuore a tutti voi.”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSea Watch verso Trapani, assegnato porto sicuro: a bordo 194 minori non accompagnati e 6 bambini
Articolo successivoPalermo, incidente in viale Regione Siciliana: morta giovane di 21 anni, altri 15 feriti
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.