MISE: bando Macchinari innovativi 2021

941

Il nuovo bando Macchinari innovativi sostiene la realizzazione di investimenti che consentano la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa, aumentando il livello di efficienza e di flessibilità della stessa nello svolgimento dell’attività economica.

La misura sostiene gli investimenti innovativi che, attraverso la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa mediante l’utilizzo delle tecnologie abilitanti afferenti il piano Impresa 4.0 e/o la transizione dell’impresa verso il paradigma dell’economia circolare, siano in grado di aumentare il livello di efficienza e di flessibilità dell’impresa nello svolgimento dell’attività economica, mediante l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.

Con recente decreto direttoriale si sono scandite le date per la compilazione e l’invio delle istanze. In particolare:

– compilazione della domanda, a partire dalle ore 10.00 del 13 aprile 2021;

– invio della domanda di accesso alle agevolazioni, a partire dalle ore 10.00 del 27 aprile 2021.

Destinatari

-Micro, piccole e medie imprese (PMI) con determinati requisiti, quali:

sono regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese, sono nel pieno e libero esercizio dei propri diritti e non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali;

sono in regime di contabilità ordinaria e dispongono di almeno due bilanci approvati e depositati presso il Registro delle imprese, ovvero hanno presentato, nel caso di imprese individuali e società di persone, almeno due dichiarazioni dei redditi;

sono in regola con la normativa vigente in materia di edilizia ed urbanistica, del lavoro e della salvaguardia dell’ambiente, nonché con gli obblighi contributivi;

non hanno effettuato, nei due anni precedenti la presentazione della domanda, una delocalizzazione verso l’unità produttiva oggetto dell’investimento;

non rientrano tra i soggetti che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato, gli aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione europea;

non si trovano in condizioni tali da risultare imprese in difficoltà.;

-Liberi professionisti iscritti agli ordini professionali individuati nell’elenco del MISE;

-Imprese (max. 6 soggetti co-proponenti), con obiettivi di sviluppo comuni che aderiscono ad un contratto di rete;

Attività economiche ammesse

-Attività manifatturiere (ad eccezione di alcuni settori: siderurgia; estrazione carbone; costruzione navale; fibre sintetiche; energia e trasporti e relative infrastrutture);

-Attività di servizi alle imprese (allegato 3 del decreto ministeriale 30 ottobre 2019);

Si può presentare domanda anche per una attività, ammessa al bando, non svolta precedentemente dalla proponente (Ampliamento con nuovo codice Ateco).

Cosa Finanzia

L’acquisto di:

-Macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento;

-Programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali;

Per una spesa complessiva di almeno €400.000 e non superiore a €3.000.000.

Reti di imprese: per ciascun aderente, programma di investimento non inferiore a €200.000;

Investimenti  realizzati presso unità produttive delle Regioni meno sviluppate (Sicilia);

Programma di investimento che consenta la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa e/o di soluzioni tecnologiche che rendano il processo produttivo più sostenibile e circolare.

Agevolazioni

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato, per il 75 % delle spese ammissibili. Il mix di agevolazioni è articolato come segue:

Micro/piccola dimensione: contributo in conto impianti 35%; finanziamento agevolato 40%;

Media dimensione: contributo in conto impianti 25%; finanziamento agevolato 50%.

Il finanziamento agevolato, a tasso 0, deve essere restituito entro max. 7 anni.

Per maggiori informazioni si visiti il sito del MISE al seguente link https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/macchinari-innovativi.

Benedetto La Torre

Dottore commercialista e revisore legale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePaceco, consegnati pasti e uova pasquali a oltre 200 famiglie
Articolo successivoArmi e droga al CEP e a Borgo Nuovo. In carcere sette persone VIDEO