Il Comune di Santa Ninfa ha aderito alla Lega delle autonomie italiane

276

Valorizzare chi “lavora” a contatto diretto con il territorio. Il Comune di Santa Ninfa aderisce all’associazione Ali

SANTA NINFA. Il Comune di Santa Ninfa ha aderito ad Ali, la Lega delle autonomie italiane, associazione di enti locali da sempre impegnata nella crescita democratica e civile del Paese attraverso un processo di rinnovamento istituzionale fondato sulla valorizzazione delle amministrazioni locali e regionali e sullo sviluppo delle comunità territoriali. Attualmente il suo presidente nazionale è Matteo Ricci, sindaco di Pesaro ed esponente di spicco del Partito democratico. L’impronta dell’associazione, non a caso, è dichiaratamente progressista.

La Giunta municipale ha approvato l’adesione nella sua ultima seduta. «Abbiamo ritenuto valido – spiega il sindaco Giuseppe Lombardino (nella foto) – l’obiettivo politico perseguito da Ali, ossia quello di costruire una Repubblica fondata sulla parità ordinamentale tra Stato centrale, regioni ed autonomie locali, sullo sviluppo e sul riequilibrio economico, sociale e territoriale tra aree forti e aree svantaggiate, secondo i principi della cooperazione, della solidarietà, della sussidiarietà, della trasparenza e di una efficienza competitiva della pubblica amministrazione».

Santa Ninfa è il secondo comune della provincia a sottoscrivere l’adesione all’associazione dopo Salemi, il cui sindaco, Domenico Venuti, non a caso siede nel Consiglio nazionale di Ali.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteE la Sicilia bara sui dati dei morti
Articolo successivoGli aggiornamenti dell’1 aprile sul coronavirus nel trapanese: 641 positivi