Giornata dei beni culturali siciliani, visite guidate alla “nave tardo romana di Marausa” al Museo Lilibeo

431

MARSALA. In occasione della “Giornata dei beni culturali siciliani” dedicata alla memoria di Sebastiano Tusa, mercoledì 10 marzo, tutti gli istituti, i musei, i parchi e le gallerie della Regione Siciliana saranno visitabili gratuitamente, previa prenotazione sulla piattaforma Youline e nel rispetto di tutte le misure anti-Covid.

Si tratta dell’iniziativa istituita lo scorso anno dal presidente della Regione, Nello Musumeci, per legare il ricordo dell’archeologo siciliano e assessore regionale, scomparso nel disastro aereo in Etiopia il 10 marzo 2019, alla promozione e alla fruizione del patrimonio culturale della Sicilia. “Nel secondo anniversario della tragica scomparsa del nostro caro Sebastiano, consideriamo questa giornata un segno di rinascita, pur in un periodo di grande difficoltà – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – che sta vivendo tutta la popolazione e anche il settore culturale. Questo segnale di speranza ci è sembrato un modo doveroso per ricordare un uomo che ha speso la sua vita per la Sicilia, per la cultura, per la storia”. “Anche questo – spiega il direttore Anna Maria Parrinello – Parco aderisce alla suddetta iniziativa, per promuovere la conoscenza e la fruizione della Nave tardo romana di Marausa, il cui recupero, restauro e allestimento espositivo è stato curato, progettato e fortemente voluto dall’archeologo Sebastiano Tusa. Per quanto sopra si comunica che, mercoledì 10 marzo alle ore 11.30 e 17.30, sono previste due visite guidate della Sala dedicata all’importante relitto, al carico e ai reperti ceramici, faunistici e organici che facevano parte della dotazione di bordo. Ingresso Museo Lilibeo, Lungomare Boeo, 30 A Marsala”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOmicidio Indelicato, confermati 30 anni in Appello per Carmelo Bonetta
Articolo successivoPaceco, classi in quarantena: “Giovedì screening per tutti gli alunni”