Contrasto dell’abusivismo commerciale, ambulante sanzionato e sequestro merce

428

Nell’ambito del dispositivo di contrasto dell’abusivismo commerciale disposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Palermo, i Finanzieri del Gruppo Pronto Impiego di Palermo hanno sequestrato oltre 50 Kg. di frutta e verdura ad un soggetto sorpreso in località via Filippo Cordova, intento alla vendita ambulante su area pubblica sprovvisto delle autorizzazioni previste dalla legge.

In particolare, il soggetto esercente il commercio abusivo, occupava, con diverse cassette contenenti i prodotti ortofrutticoli, il manto stradale e il marciapiede creando, peraltro, intralcio alla circolazione stradale.

Per tale motivo i Baschi Verdi, oltra a sanzionare il trasgressore per violazione dell’art. 20 c. 1 e 4 del Codice della Strada, lo hanno segnalato all’autorità cittadina ai sensi della Legge Regionale n. 18/1995 (norme riguardanti il commercio su aree pubbliche) che prevede, oltre al sequestro ai fini della confisca della merce una sanzione pecuniaria che va da minimo di da un minimo di € 154,00 ad un massimo di € 1.549,00.

Contestualmente i militari operanti hanno proceduto a denunciare il soggetto alla Procura della Repubblica per il reato di invasione di terreni o edifici (combinato disposto artt. 633 e 639 bis cp) punito con la reclusione fino a 2 anni e con la multa da €. 103 a €. 1.032.

Tutta la merce sequestrata essendo idonea al consumo umano, è stata devoluta in beneficienza all’Associazione piccole Suore missionarie della carità “Don Orione, casa di accoglienza isola della carità” di Palermo.

Continuano, incessanti, i controlli delle Fiamme Gialle in tutta la provincia palermitana, al fine di assicurare il rispetto delle misure di sicurezza adottate dall’Autorità Governativa nel periodo di emergenza epidemiologica e di garantire la legalità nelle fasi della commercializzazione al dettaglio, soprattutto di generi alimentari, con lo scopo di tutelare la salute dei consumatori e nel contempo salvaguardare i venditori provvisti delle prescritte autorizzazioni che operano in maniera lecita.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRiparazioni sulla rete idrica cittadina
Articolo successivoMafia e politica. La richiesta per Nicosia è di 20 anni di carcere