La DIA confisca beni per 4 milioni di euro all’imprenditore Albanese VIDEO

659

La Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito un provvedimento di confisca emesso dal Tribunale di Cosenza, Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti di Vincenzo ALBANESE, imprenditore, pregiudicato, attualmente detenuto presso la Casa Circondariale “Rosetta Sisca” di Castrovillari.

Il provvedimento, emanato in accoglimento di proposta di misura di prevenzione formulata dal Direttore della DIA, prende le mosse dai complessi approfondimenti investigativi esperiti dall’Articolazione catanzarese che ripercorrendo le numerose vicende penali del proposto hanno permesso da un lato di accertarne la pericolosità sociale e dall’altro di evidenziare la considerevole sproporzione tra i redditi dichiarati ed il patrimonio a lui  riconducibile, ritenuto frutto o reimpiego dei proventi delle attività illecite.

La confisca, che segue al sequestro già operato dalla DIA nel 2020, ha interessato il capitale sociale e l’intero compendio aziendale di n. 3 società attive nei settori del commercio al dettaglio di carburante per autotrazione e della ristorazione, il 50% delle quote societarie di un bar, n. 18 immobili tra i quali numerosi terreni, n. 49 beni mobili registrati, n. 11 polizze assicurative e n. 16 rapporti finanziari, per un valore complessivo stimato in circa 4 milioni di euro.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOmicidio Favoroso, “l’autorità giudiziaria ha ritenuto che non ci fosse la volontà di uccidere”
Articolo successivo“Mi vogliono far lasciare la società e la città ”, la denuncia dell’imprenditrice Elena Ferraro