Toscano: “Scorie radioattive in provincia di Trapani è estremamente preoccupante”

684

“Scorie radioattive in provincia di Trapani”. Le dichiarazioni della sindaca di Erice

“La notizia secondo la quale due aree della provincia di Trapani, tra cui quella di Fulgatore che dista pochissimi chilometri dal territorio ericino, possano divenire sedi di deposito per scorie radioattive è estremamente preoccupante. Ci attiveremo presso ogni sede competente affinché ciò non accada”. La sindaca di Erice, Daniela Toscano, commenta così la notizia diramata ieri da numerosi organi di stampa riprendendo la Carta nazionale aree potenzialmente idonee pubblicata sul sito www.depositonazionale.it.

“Il nostro è un no secco – aggiunge la sindaca -. Neanche una parte del territorio della provincia di Trapani, che è apprezzato dai turisti di tutto il mondo per le sue eccellenze monumentali, paesaggistiche ed agroalimentari, dovrà e potrà essere trasformato in una discarica nucleare. La nostra è una regione, con poche industrie e consumi energetici che non possono in alcun modo giustificare un’operazione del genere. La Sicilia fa anzi dell’ambiente il proprio punto di forza dal quale trae vitale sostentamento e non può pertanto diventare il cassonetto con discarica nucleare di altri”.

“Ritengo dunque inaccettabile, sconcertante ed offensivo – dichiara ancora la sindaca Toscano – non solo il fatto che non si sia tenuto conto del grave danno d’immagine che causerebbe un’operazione di questo tipo, ma anche il non aver minimamente considerato l’ipotesi di consultare le autorità locali ed i cittadini, cioè chi quelle scorie dovrebbe ospitarle. Tutti noi attendiamo immediati chiarimenti in tal senso che, comunque, non cambieranno di un millimetro la nostra posizione. Anzi, ci attiveremo in ogni sede competente affinché tale ipotesi scellerata venga bloccata senza se e senza ma”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePolizia Municipale di Erice, Bellofiore è il nuovo Comandante
Articolo successivoOspedale di Alcamo. Corrao scrive a Razza: Cardiologia non si tocca e anzi va potenziata