Rizzo incontra la città: “Tanti obiettivi portati a termine. Sono e sarò sempre il Sindaco di tutti”

1515

Il Sindaco Rizzo incontra virtualmente la cittadinanza per fare il punto sugli obiettivi portati a termini e risponde a chi lo accusa di “non favorire il dialogo politico”. “Sempre aperti al confronto e al dialogo con tutti”

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. In un aula consiliare deserta causa pandemia, il Sindaco Nicolò Rizzo insieme alla sua giunta ha incontrato la città virtualmente. Un evento che a causa dell’emergenza coronavirus è stato trasmesso in streaming sul sito istituzionale del Comune. La consueta “relazione di fine anno” quest’anno è servita per sottolineare “fatti, obiettivi e anticipazioni” su quanto realizzato e su quello in programma per il futuro.

“Insieme seppure in modalità a distanza a causa dell’emergenza Covid-19. In un momento così difficile abbiamo voluto illustrare ai cittadini quanto fatto e quanto programmato”. Il Sindaco, dopo il minuto di silenzio per le vittime del Covid-19, ha elencato gli obiettivi realizzati in questo anno. “Ringrazio tutti i volontari e le associazioni di Protezione Civile per il grande supporto che hanno dato in questa emergenza sanitaria. Grazie a tutti i cittadini che hanno donato per il fondo per l’emergenza coronavirus. Grazie anche alla Caritas interparrocchiale di San Giuseppe per il prezioso contributo in questa drammatica emergenza”. Tra le opere elencate da Rizzo che vedranno presto la luce c’è la riqualificazione del tratto di strada sulla SS187 che conduce alla spiaggia playa. Nello specifico si tratta di quel tratto di strada sprovvista di marciapiede e attraversamento pedonale per chi dal centro città raggiunge la spiaggia playa a piedi. Il progetto è in fase di completamento. Così come è in programma la riqualificazione della via Euclide, una piccola strada pedonale che dalla zona del Cimitero Comunale si ricongiunge al centro città, in particolare con la via Leonardo Da Vinci. Tra le altre cose citate dal Sindaco Rizzo anche il ponte della frazione di Balata di Baida, demolito anni fa e che presto sarà ricostruito grazie a un finanziamento di 1 milione e 600 mila euro da parte della Regione. “Un’opera importantissima per la viabilità della frazione. Fin dal nostro insediamento abbiamo raccolto le richieste degli abitanti di Balata e lavorato per poter realizzare questa importante opera di collegamento tra l’abitato e i fondi agricoli” – ha affermato Rizzo. Sempre sul versante Balata è stato stipulato un protocollo con i Comuni di Custonaci e San Vito Lo Capo per la realizzazione di una strada di collegamento dal Castello di Baida alla zona di Macari.

Altro tema su cui il Sindaco Rizzo si è soffermato è quello della difficile situazione finanziaria del Comune. “A causa della pandemia il Comune ha incassato molto meno rispetto agli altri anni. Abbiamo dovuto fare i conti con questa emergenza anche a livello finanziario. Meno Tari, Tarsu, ma anche meno introiti dalle strisce blu e dalle pubblicità. Questa mancanza ha portato a qualche rinuncia per mantenere il bilancio in ordine.”

In fase di sblocco anche il progetto di ristrutturazione dell’immobile affidato a don Pieracci per la realizzazione di una mensa della fraternità, un ostello per la gioventù, un centro di ascolto e di assistenza medico-psicologica e giuridico- amministrativa. Il Sindaco inoltre ha citato il progetto per il canile comunale, giunto alla fase preliminare prima di poter chiedere un finanziamento. Così come gli aggiornamento sul depuratore e sul sistema fognario di Scopello: progetti che continuano il loro percorso burocratico. Così come il porto: “Continuano i lavoro del II stralcio, per il I stralcio fermo dal 210 l’iter è finalmente ripartito”. Sulla stagione turistica appena conclusa Rizzo aggiunge: “Nonostante la pandemia, grazie al lavoro dell’Assessore Tesè, la stagione tutto sommato è stata positiva, con parecchi eventi di spessore tra Piazzale Stenditoio e Arena delle Rose.”

Questioni attualmente ancora aperte: Ospedale di Alcamo e raccolta differenziata. Per il primo il Comune è dentro il tavolo tecnico, presente l’Assessore Vincenzo Abate, e segue gli sviluppi per un opera attesa da parecchi anni e che riguarda l’intero territorio. Sulla questione rifiuti il Sindaco si è detto soddisfatto per il prezioso lavoro dell’Assessore Abate in merito alla gestione dell’attuale emergenza rifiuti. “Castellammare non ha sofferto e non ha avuto disagi nella raccolta differenziata. – ha sottolineato Rizzo – Dall’nuovo appalto per il servizio urbano siamo passati dal 29% a oltre il 70%. Un risultato davvero importante raggiunto grazie alla sensibilità dei cittadini. Inoltre con l’apertura del Centro Comunale di Raccolta abbiamo dato un nuovo impulso alla raccolta differenziata.”

“È stato un anno difficile, – ha infine aggiunto il Sindaco Rizzo – sono successe tante cose, piacevoli e meno piacevoli. Ci tengo a sottolineare che sono il Sindaco di tutta la città, non soltanto di chi mi ha votato. Non ho mai rifiutato incontri con i cittadini e non mi sono mai negato. Per questo motivo invito tutti i cittadini a fare proposte e venire a trovarci in Comune. Le nostre porte sono aperte.” Il Sindaco Rizzo sembra rispondere a un appello diffuso dagli ex candidati alla carica di Sindaco suoi sfidanti nel 2018. Nella nota, firmata da Laura Ancona, Nicolò Coppola, Francesco D’Angelo e Giuseppe Lo Porto, si chiede un ritorno al dialogo, al confronto e al dibattito politico. Su questi temi infatti il Sindaco è stato chiaro: “Non ci siamo mai tirati indietro alle proposte o chiusi. Restiamo sempre aperti alle proposte e al confronto, anche con le altre forze politiche rimaste fuori dal Consiglio Comunale. La città sta crescendo e continuerà a farlo.” Infine un accenno alla vicenda giudiziaria che lo vede coinvolto, ovvero l’indagine “Cutrara” in cui il primo cittadino è indagato per favoreggiamento reale aggravato dall’aver agevolato cosa nostra. Su questo aspetto il Sindaco ha ribadito la sua posizione: “Sono assolutamente sereno”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGli ex Dc che tornano assieme ma non per rifare la Dc
Articolo successivo“Zona rossa” di natale, chiuso il cimitero di Castellammare. AGGIORNAMENTO
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.