Macaddino (UIL PESCA): “bene rientro a casa dei pescatori, ora pensiamo al futuro” VIDEO

524

Libia, “bene rientro a casa dei pescatori, ora pensiamo al futuro“. Così il segretario regionale Uila Pesca Tommaso Macaddino

“La grande, profonda e intima gioia che proviamo oggi per il rientro dei nostri lavoratori e che ci unisce e ci fa stringere attorno alle loro famiglie non ci può distogliere dalla necessità e dall’urgenza di affrontare il problema di come garantire in futuro la sicurezza sul lavoro ai nostri pescatori nelle acque del Mediterraneo”

Così il segretario regionale della Uila Pesca Sicilia Tommaso Macaddino che è stato tra i primi a dare il benvenuto ai 18 pescatori sequestrati in Libia lo scorso 1 settembre e che, a bordo dei due pescherecci Medinea e Antartide, sono rientrati a Mazara del Vallo, questa mattina.

“Dobbiamo innanzitutto denunciare come, a fronte di una presunta violazione delle acque nazionali libiche da parte dei pescherecci italiani, 18 persone sono state, di fatto, sequestrate e tenute prigioniere in violazione delle più elementari norme del diritto internazionale e, cosa ancora più grave che sta emergendo dalle loro testimonianze, nei loro confronti c’è stata anche negazione e violazione dei diritti umani, avendo essi dovuto subire umiliazioni di ogni genere”.

“Per quanto riguarda il futuro, la Uila Pesca si rivolge, innanzitutto, alle istituzioni italiane per sapere quale idea esse abbiano in merito alla pesca e al Mediterraneo, un mare che, siamo convinti, deve diventare un luogo di pace e di prosperità per tutti i paesi che vi si affacciano”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“In Sicilia già individuati oltre mille cittadini provenienti da UK. Misure dedicate per ultimo volo Londra-Palermo
Articolo successivoIl ritorno dei pescatori mazaresi