Alcamo perde un cittadino non comune

8664
Foto di Roberto Dia

Molti lo chiamavano pazzo e lo deridevano, si sentivano furbi loro, ma non capivano che quell’uomo li prendeva in giro senza che se ne accorgessero, semplicemente con un sorriso. Stiamo parlando di Filippo Mirrione, che ieri è volato in cielo lasciando un vuoto, perché persona conosciutissima in città e che ha caratterizzato l’infanzia di molti, ma anche fino alla sua dipartita quella di intere generazioni. Filippo non era un intellettuale o uno scienziato, per alcuni era un “personaggio”, invece per chi si soffermava a parlare seriamente con lui era un uomo con un cervello ben funzionante, che prendeva in giro tutti e la vita con le sue frasi simbolo e il suo sorriso.

Filippo viveva di elemosina, lo si trovava davanti le chiese e nelle piazze, non solo alcamesi, infatti non era raro incontrarlo per esempio a Roma, dove faceva finta di essere mutilato, aveva capito prima di tv e scienziati della comunicazione che “il pianto” smuoveva cuori e portafogli, altro che “C’è posta per te” e simili.

Che dire, vogliamo chiudere con un pensiero: Immagino lui uscire da una via ed io che gli dico: Filì dicevano che eri morto? Lui: Minchia Babbi. RIP Filippo

Il funerale di Filippo Mirrione sarà celebrato oggi 17 dicembre 2020 alle ore 16:30 presso la parrocchia Gesù Cristo Redentore in Alcamo

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Country Vultures”. Sequestro preventivo di beni immobili nei confronti di tre imprenditori soci e amministratori di due imprese alcamesi
Articolo successivoRegione, completati i lavori dell’area a verde: “Suggestiva anticamera ai giardini del Parco Orleans”. VIDEO
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.