Regione, completati i lavori dell’area a verde: “Suggestiva anticamera ai giardini del Parco Orleans”. VIDEO

2004

Musumeci archivia le polemiche sorte il giorno dell’inaugurazione della nuova area verde davanti Palazzo Orleans, sede della Regione Siciliana. “Aumentato il decoro dello storico immobile”. VIDEO

PALERMO. Una striscia di verde incentrata sulla simmetria delle aiuole, sulla presenza di semplici elementi decorativi in perlato di Sicilia per le sfere e le fontane di gusto classico, con giochi d’acqua e pietra Billiemi per la pavimentazione, due storiche pietre siciliane, e ancora decorazioni vegetali ricercate. Questi gli elementi alla base del progetto dell’area verde di Palazzo Orléans, dal 1947 sede del governo regionale. Obiettivo dell’opera, ormai ultimata e visibile al pubblico, è stato “creare un collegamento in armonia fra zona esterna e interna del palazzo”.

«Abbiamo aumentato – afferma il presidente della Regione, Nello Musumeci – il decoro dello storico immobile con una serie di interventi pensati per esaltare la bellezza del Palazzo. Quella che prima era una striscia di auto parcheggiate adesso è un’area verde curata in ogni dettaglio, che fungerà da suggestiva anticamera ai giardini del Parco Orleans. Un’opera che ha dato lavoro, negli ultimi sei mesi, a diverse ditte, tra marmisti, vivaisti, aziende edili e almeno una decina di operai impegnati nella realizzazione dell’opera, dando così una boccata d’ossigeno alle aziende del settore, ferme dopo il lockdown».

Il progetto dell’area verde è stato elaborato a più mani e nasce dall’esigenza innanzitutto di mettere in sicurezza la cancellata storica del Palazzo su corso Re Ruggero, su cui sono stati fatti interventi importanti, e a seguire il restyling dello spazio antistante il Palazzo reale. A essere restaurate anche le due garitte, che si trovano ai lati del portone principale, e l’intera recinzione in pietra calcarea e ferro battuto. Il progetto è stato elaborato dal dipartimento regionale Tecnico con il supporto dell’Ufficio speciale per la progettazione. A dirigere i lavori l’architetto Teotista Salerno, mentre il responsabile unico del procedimento è stato l’architetto Rino Beringheli.

Il progetto

Il progetto ha previsto la sistemazione dell’area antistante il prospetto principale di Palazzo Orleans, con l’attivazione del secondo ingresso pedonale per il personale, ancora la rivisitazione dell’ingresso carrabile, il ripristino della pavimentazione del piazzale interno, il miglioramento della sicurezza della sede governativa e del decoro delle aree prospicienti piazza Indipendenza.

Il progetto è stato elaborato in ottemperanza delle prescrizioni della Soprintendenza dei Beni culturali con la prescrizione che “il disegno delle aiuole e della pavimentazione tenga conto della scansione del partito architettonico composto da edifici di epoche diverse… per una congrua integrazione di elementi di arredo e di illuminazione si prediligano sistemi a raso di misurato impatto, anche per la collocazione di nuove fontane o in alternativa si opti per il riuso di elementi da rinvenire nei depositi”, si è indicato, sia nella pavimentazione che nelle aiuole, l’alternarsi dei vari corpi edilizi di epoche differenti attraverso una siepe sagomata che ritma l’inizio e la fine dei vari edifici e nella pavimentazione è stata inserita una lastra di marmo che interrompe il susseguirsi dei conci di Billiemi”.

Per motivi di sicurezza è stato inserito un sistema di dissuasori con elementi in pietra bianca e catena in ferro attorno alle aiuole per impedire di calpestarle e di stanziare all’interno delle stesse.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo perde un cittadino non comune
Articolo successivoPiano Rifiuti in Sicilia. Pierobon: “Puntato alla residualità delle discariche” VIDEO