Sequestrate dalla Finanza 14 mila mascherine prive di autorizzazione

589

PALERMO. I Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio tesi a garantire l’osservanza della normativa in materia di prezzi e sicurezza prodotti, anche in ragione della grave emergenza epidemiologica da COVID-19, hanno sottoposto a sequestro amministrativo oltre 14 mila mascherine nei confronti di un esercizio commerciale gestito da un soggetto di origine cinese.

In particolare i militari del Gruppo Pronto Impiego, accedevano presso un esercizio commerciale in via Lincoln a Palermo, gestito da Z.L., trentacinquenne di origine cinese, e individuano diversi dispositivi di protezione individuale in un sacchetto di plastica posto accanto al registratore di cassa oltre ad altri scatoloni contenenti mascherine prive di certificazione sanitaria e del marchio di fabbrica.

All’atto del controllo presso l’attività commerciale i “Baschi Verdi”, dopo aver constatato l’effettiva vendita dei citati dispositivi medicali, provvedevano a sequestrare oltre 14.000 mascherine e a denunciare alla locale Procura della Repubblica il titolare per frode in commercio e ricettazione.

Continuano, incessanti, i controlli delle Fiamme Gialle in tutta la provincia palermitana, al fine di verificare il rispetto delle misure di sicurezza adottate dall’Autorità governativa nonché contrastare possibili speculazioni o insidie alla sicurezza derivanti dalla commercializzazione di materiale non conforme alle norme.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“Cercavamo spiritualità, la Iside era scuola di virtù”
Articolo successivoTranchida scrive ai colleghi delle “città porto della pasca”: “Invito a solidarizzare con la comunità mazarese”