Progresso tecnologico e radiologia a domicilio: l’iniziativa del trapanese Marco Politi

499

Nel 2020 “smartworking” e “lavoro a distanza” sono diventati termini che, purtroppo, tutti abbiamo dovuto imparare. La grande emergenza epidemiologica ha portato, però, alla creazione di nuovi servizi che, diversamente, non si sarebbero potuti sviluppare. Marco Politi, dottore in Tecniche di Radiologia Medica, per esempio ha introdotto nella provincia di Trapani un’idea che, soprattutto in questo periodo storico, aiuta gli anziani e coloro che non possono o non vogliono muoversi dalle abitazioni. Politi, infatti, si occupa di realizzare radiografie a domicilio.

“L’idea – spiega Marco Politi – è nata dall’esperienza che ho maturato lontano dalla mia città. Il concetto di clinica a domicilio, infatti, è già presente soprattutto nella parte settentrionale dell’Italia. Mi sono meravigliato quando ho scoperto che in provincia di Trapani il settore fosse sottosviluppato”.

Marco Politi si è laureato presso l’Università degli Studi di Ferrara e durante il suo brillante percorso di formazione ha maturato la volontà di approfondire sempre più i suoi studi, dando ad essi anche un taglio fortemente innovativo. Ecco perché ha realizzato un servizio di radiodiagnostica a domicilio, Clinica Medora, da pochi giorni anche sui social, la perfetta clinica a domicilio, attiva su tutto il territorio provinciale, isole comprese.

È chiaro, poi, che in questo momento e con la presenza del coronavirus, il servizio diventa indispensabile per alcuni soggetti. “Con il mio lavoro, mi rivolgo principalmente agli anziani, ai disabili, a chi ha serie difficoltà a deambulare e chi ha problemi a spostarsi, favorendo il mantenimento dei soggetti nel proprio contesto abitativo” aggiunge Politi.

“Tutti i macchinari utilizzati vengono sanificati e questo mi permette di lavorare in sicurezza nonostante la presenza del virus che ha scombussolato le nostre abitudini. Numerose sono le categorie che in questo momento vanno protette. È consigliato a molti pazienti anziani o a persone che presentano particolari patologie di rimanere a casa a causa del coronavirus: effettuare la radiografia a domicilio agevola l’assistito. Gli standard di sicurezza sono altissimi e la possibilità di contagio si azzera”.

La clinica, rispettosa di tutte le norme di sicurezza e di radioprotezione, come anche del protocollo anticovid, assicura un servizio di prima qualità con attrezzatura di ultima generazione digitale ed un team di esperti medici e tecnici di radiologia, mossi da professionalità, impegno, deontologia, grande entusiasmo e volontà di realizzare un servizio da rivolgere alla cittadinanza.

“La tecnologia, negli ultimi anni, ha fatto dei veri e propri balzi da giganti. Adesso – continua il professionista trapanese – tutto è diventato più veloce. Basta fissare un appuntamento ed entro 72 ore l’esame verrà eseguito. Al termine della visita, il paziente ha tutto ciò che gli serve: referto medico e immagini radiologiche che verranno consegnate tramite CD o se necessario inviate via mail”.

Il servizio a domicilio grazie all’ottima qualità iconografica dei radiogrammi offre la possibilità di effettuare tutti gli esami di radiologia tradizionale dell’apparato scheletrico: radiografie del cranio e seni paranasali, radiografie del torace in più proiezioni, radiografia tratti della colonna, radiografia del bacino, anca, radiografia del femore, gamba, radiografia dell’addome, radiografia delle articolazioni, radiografia su qualsiasi segmento scheletrico, studio dell’età ossea.

“La velocità è essenziale: dopo pochi minuti, grazie all’utilizzo di apparecchiature all’avanguardia, le immagini della radiografia sono visualizzate istantaneamente, cosi da verificare la buona riuscita dell’esame ed evitare ulteriori perdite di tempo.”

Un’idea che ribalta totalmente le abitudini del nostro territorio. Non è più il paziente che si reca nello studio del dottore ma è lo stesso a muoversi. La clinica Medora da oggi a Trapani quindi offre innumerevoli vantaggi non solo dal punto di vista medico, ma anche dal punto di vista umano, riducendo stress fisici e psichici, eliminando ogni rischio di contagio tra pazienti e consentendo ad ognuno di curarsi in un ambiente familiare.

Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19. Sabato, domenica e festivi soltanto per eventuali emergenze.

“Con questa soluzione è possibile accorciare maggiormente le distanze fra paziente e operatore sanitario, in un rapporto più diretto, vero e trasparente che si attua in un luogo familiare e privato per chi è in una condizione di sofferenza e di malattia. Un aiuto importante” ha concluso Marco Politi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUn borgo marinaro a Punta Lunga
Articolo successivoErice. Richiesta Commissione di inchiesta sul “caso Università”