Trapani, 7milioni per le scuole ‘”Livio Bassi” e “Pertini”

318

TRAPANI. Ulteriori progetti finanziati per la riqualificazione di altre due scuole trapanesi, ottenuti dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Tranchida. Con deliberazione regionale n. 538 del 19 novembre 2020, sono stati, infatti, approvati i progetti di nuova costruzione in sostituzione della scuola statale primaria esistente “E. Pertini” per un importo di € 5.579.137,50 e lavori di adeguamento sismico della scuola “Livio-Bassi” per un importo di euro 2.240.000,00€.

“Quando nell’estate del 2018 siamo arrivati, ovunque abbiamo trovato il disastro, compresi scuole e impianti sportivi in malora, diversamente dalla vicina Città di Erice memori di tanto e coerenti nella scelta delle priorità – dichiara il Sindaco Giacomo Tranchida – d’intesa con la maggioranza consiliare abbiamo approntato le prime variazioni di bilancio e abbiamo coinvolto gli uffici nel cambiare verso, impiegando le poche risorse disponili per avviare l’iter del nuovo corso”.

Aggiunge il vice Sindaco ed Assessore alla Pubblica Istruzione Vincenzo Abbruscato “Ancora una volta soddisfatti che l’attività di programmazione e progettazione che abbiamo svolto in questi due anni sulle scuole che risultavano abbandonate stia portando frutti”.

“Poter realizzare la messa in sicurezza delle scuole trapanesi – aggiunge l’assessore ai Lavori Pubblici Dario Safina – rappresenta un punto importante del programma di governo e segno di un’amministrazione votata al risultato”.

“Un grande sforzo in questi anni è stato richiesto agli uffici tecnici del comune – conclude l’assessore Andreana Patti- in situazione di carenza di personale e con un periodo difficile di pandemia appena vissuto. Siamo certi – aggiunge la Patti – che avendo svolto le vulnerabilità sismiche di quasi tutte le scuole potremmo aggiungere al piano regionale dell’edilizia scolastica altri immobili scolastici. Il piano degli interventi prevederà nel prossimo futuro anche l’efficientamento energetico delle scuole”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteBase Riformista Sicilia: Grande soddisfazione per Guerriero alla segreteria regionale
Articolo successivoVianini, un caso aperto